Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 18 aprile 2024
 
 

Scuola, l'Italia taglia più di tutti

25/03/2013  Lo denuncia la Commissione europea: fra i 27 Paesi membri, nessuno ha fatto peggio di noi, con un taglio all'istruzione di oltre il 10 per cento negli ultimi anni.

È uno di quei record di cui faremmo volentieri a meno: nell'area dell'Unione europea, siamo il Paese che, negli ultimi anni, ha tagliato più pesantemente i fondi per l'istruzione. Lo denuncia con l'evidenza dei numeri un rapporto della Commissione europea: fra il 2010 e il 2012 i nostri Governi hanno decurtato il bilancio per la scuola del 10,4 per cento. Un triste primato.

La Commissione di Bruxelles ha preso in esame i bilanci dei 27 Paesi membri, analizzando le cifre relative all'istruzione.
Non tutti, ma soltanto otto fra i Paesi membri, hanno diminuito i fondi. Altri li hanno aumentati, nonostante la crisi che, comunque, è uguale per tutti: più 16,5 per cento la Turchia, più 7,4 per cento il Lussemburgo... Fanalini di coda, Italia, Inghilterra e Grecia. Ma a far peggio di tutti siamo stati noi. Oltre a quel meno 10,4 per cento in due anni, c'è anche il taglio delle cattedre (100 mila) e un altrettanto deciso colpo ai finanziamenti all'università (meno 9,2 per cento in due anni).

Sono anni di recessione e di crisi, certo, ma non risulta che essa abbia interessato solo l'Italia. Il problema è un altro, politico e culturale: di fronte alla crisi, si può reagire scommettendo sull'intelligenza, l'istruzione, la professionalità, le capacità e il talento, oppure procedere a tagli indiscriminati. L'Italia ha scelto la seconda via. Si tratta di decidere - per fare un esempio - se tagliare i costi della politica (numero dei parlamentari, province, indennità, auto blu) o la spesa militare (F14 e simili) o i fondi destinati alla formazione degli italiani di domani.

«Sono tempi difficili per le finanze nazionali, ma abbiamo bisogno di un approccio coerente in tema di investimenti pubblici nell'istruzione e nella formazione, poiché questa è la chiave per il futuro dei nostri giovani e per la ripresa di un'economia sostenibile nel lungo periodo», si legge nel rapporto della Commissione europea. «Se gli Stati membri non investono adeguatamente nella modernizzazione dell'istruzione e delle abilità», ha affermato Androulla Vassiliou, commissario europeo responsabile per l'istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù, «ci troveremo sempre più arretrati rispetto ai nostri concorrenti globali e avremo difficoltà ad affrontare il problema della disoccupazione giovanile».


Le politiche sull'istruzione rivelano l'identità e le strategie di un Paese. Il messaggio che arriva dall'Italia, in questo, senso, è sconfortante.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo