logo san paolo
sabato 07 dicembre 2019
 
 

Scuola: troppi abbandoni in Europa

19/05/2011  Un recente studio della Commissione Europea lancia l'allarme: 1 ragazzo su 7 lascia la scuola.

Non siamo il fanalino di coda, ma di certo non possiamo vantarci di essere tra i migliori! Perché in Italia 1 studente su 5 abbandona prematuramente la scuola superiore, a fronte di un rapporto che scende a 1 su 7 se si tiene conto della media europea. Detto in altri termini, accanto a Spagna (31,2%), Malta (36,8%) e Portogallo (31,2%), l’Italia (19,2%) è uno tra i Paesi europei che presenta il maggior numero di giovani studenti che lasciano troppo presto la scuola.

Sul versante opposto stazionano Paesi in cui le percentuali si rivelano decisamente inferiori: è sufficiente ricordare i livelli raggiunti dalla Polonia (5,3%), dalla Repubblica Ceca (5,4%) e dalla Slovacchia (4,9%). Ma ciò non basta a stemperare l’esito finale. Infatti, sulla base di un rapporto curato dalla Commissione europea e reso pubblico il 19 aprile scorso, la situazione scolastica nel vecchio continente appare abbastanza preoccupante. Il dato positivo è che dal 2000 al 2009 il tasso di abbandoni è sceso nell’intera Unione europea dal 17,6% al 14,4%, e in Italia dal 25,1% al 19,2%.

Tuttavia, per attenersi agli obiettivi fissati dalla strategia Europa 2020, occorrerebbe portare, da qui ai prossimi dieci anni, il livello percentuale globale di abbandoni scolastici dall’attuale 14,4% all’auspicabile 10%.

Una sfida attuabile o un tentativo illusorio? Al momento non si può che prendere atto dei dati e cercare di indagarne le ragioni. «Quello dell’abbandono scolastico», spiega Emanuela Confalonieri, docente di Psicologia dello sviluppo e dell’educazione presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, «è un fenomeno complesso, originato da più cause. Possono giocare un ruolo non indifferente i fattori individuali, legati al ragazzo e alla sua storia di studente, i fattori familiari e i fattori socio-culturali. Decidere di frequentare la scuola secondaria di II grado, e in particolare i licei, rappresenta oramai una scelta quasi naturale se non “obbligata”. Ma tale mentalità non basta a supportare il percorso formativo, che è difficile, impegnativo e richiede tempo, motivazione e attenzione. Spesso davanti ai primi ostacoli si lascia perdere, si cambia scuola o indirizzo di studi e, nel giro di un paio di anni, si decide (in modo più passivo che attivo) di uscire o di non far nulla per non uscire dal circuito scolastico. Alle spalle della scelta non sempre si intraprende un vero percorso di orientamento: spesso a decidere sono ancora i genitori, o, se capita ai ragazzi, essi lo fanno tenendo conto di categorie poco attinenti alla scelta in questione».

Resta il dubbio, dunque, sulle modalità da attuare, da parte della scuola e dei genitori, per intervenire e arginare gli esiti dell’abbandono. «E’ possibile lavorare su più fronti» prosegue l’esperta, «dato che la scuola deve imparare a leggere un abbandono anche come un suo fallimento e quindi adoperarsi per cogliere quanto prima i segnali di difficoltà e cercare di ri-orientare, se necessario, o di sostenere i ragazzi perché continuino a far parte dell’istituto. I genitori, invece, devono esserci non tanto nello studio quanto nel capire come sta il figlio, se, nonostante eventuali difficoltà, quella è la scuola che vuole fare, trovando il giusto equilibrio fra un eccesso di aiuto e un eccesso di lassismo. I ragazzi devono capire che se da una parte è vero che non si sceglie la scuola per la vita, dall’altra parte non si può nemmeno pensare che se non è questa sarà un’altra».

Obiettivi certamente condivisibili che necessitano di una traduzione operativa e concreta, così come precisa, in conclusione, la professoressa Confalonieri: «risulta di fondamentale importanza, più che agire subito, capire qual è la problematica: carenza di preparazione? Orientamento sbagliato? Scarso impegno e motivazione? Reali difficoltà di apprendimento? Ognuno di questi aspetti va trattato diversamente, cercando di mettere al centro lo studente, rendendolo attivo e consapevole sia delle sue difficoltà sia di quello che si può fare con e per lui: ripetizioni, corsi sul metodo di studio, integrazioni a scuola, valutazioni cognitive. Gli interventi possibili sono molto e specifici. Ma la prima cosa da chiarire non è come correre ai ripari, ma cercare di capire come professori, genitori e studenti dove si situa il problema».

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%