logo san paolo
giovedì 07 luglio 2022
 
famiglia e parità
 

Se gli uomini disoccupati rifiutano i lavori domestici

27/03/2017  Secondo una ricerca in una coppia quando il marito perde il lavoro smette o diminuisce la collaborazione nei lavori e nelle pulizie di casa

Quando lui è disoccupato e un po’ depresso si accumulano i piatti sporchi e il carico per la lavatrice ma quando senza lavoro è lei la casa è pulitissima. Insomma per essere davvero uomini bisogna evitare le pulizie di casa soprattutto quando si è perso il lavoro. Lo dice una ricerca condotta nelle università di Utrecht e della California, con dati raccolti da quasi trentamila persone, in ventisette paesi europei e in Israele, intitolata “Unemployment and the division of housework in Europe”, ovvero “La disoccupazione e la divisione dei lavori domestici in Europa” e pubblicata sulla rivista “Work, employment and society” (“Lavoro, occupazione e società”), curata dalla British Sociological Association, l’Associazione Britannica di sociologia.

Gli studiosi, Tanja Van der Lippe, Judith Treas e Lukas Norbutas hanno indagato che impatto ha avuto la recessione del 2008 sulla divisione dei lavori domestici e hanno scoperto che la disoccupazione anzichè rendere più paritaria la situazione di moglie e marito finisce per sovraccaricare, ancora una volta, la donna perché l’identità maschile è collegata a quello stipendio che entra nel conto in banca ogni mese e, quando non c’è, l’uomo si sente umiliato e confuso se deve pulire il pavimento e lavare i piatti. Anche in quel Regno Unito femminista dove, per tradizione, i mariti aiutano le mogli con i lavori domestici le donne trascorrono ancora il doppio delle ore, 15,7 alla settimana, rispetto agli uomini, a pulire la casa e cucinare. Quando la moglie guadagna il pane per tutta la famiglia per non far sentire inferiore il marito, che ha uno stipendio più basso, si carica anche della fetta più grande dei lavori domestici.

«Sia uomini che donne fanno più lavori domestici quando sono disoccupati», scrivono gli esperti nella ricerca, «Tuttavia il carico extra di ore, per le donne che hanno perso il lavoro, è più grande che per gli uomini. Insomma le mogli lavorano di più in casa sia che siano state licenziate o che vadano ancora in ufficio».

I vostri commenti
9

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo