logo san paolo
lunedì 02 agosto 2021
 
 

Se i vaticanisti imitano i giallisti

27/05/2013 

Fateci caso: ormai non c’è quasi più articolo scritto dai cosiddetti “vaticanisti” che nel raccontare di cose curiali non faccia ricorso al manierismo di Dan Brown. Non solo quando si tratta di raccontare le vicende di maggiordomi spioni o monsignori che hanno tradito la propria vocazione, ma anche se il tema riguarda i francobolli della Santa Sede o il giuramento delle guardie svizzere. Che articolo è senza un corvo, o almeno un corvetto che spiffera qualche transazione di denario sporco?

L’importare è ambientare tutto come una suggestiva location di Angeli e Demoni, scorgendo ovunque congiure, truffe, cospirazioni,
in un’atmosfera di intrigo che rimanda necessariamente alla corte dei Borgia, o almeno ad Assassin Creed. Insomma: il genere letterario di Dan Brown – tutto sommato artisticamente legittimo - è diventato un genere giornalistico, spesso e volentieri disonesto. Ha scritto sul Messaggero la storica Lucetta Scaraffia: “Esiste ormai da molti anni un particolare genere di letteratura dedicata al giallo in Vaticano, ma è soprattutto dopo il Codice Da Vinci, che questo genere è decollato alla grande. Sono in molti oggi gli autori e gli editori che sperano nel successo internazionale puntando in vario modo a “scoprire gli altarini”, è proprio il caso di dire, dissacrando la Chiesa che nonostante tutto ha mantenuto una qualche forma di sacralità o almeno di rispettabilità – anche agli occhi dei non credenti”.

Naturalmente al centro di tutto c’è lo IOR, la banca del vaticano. La quale, bisogna dirlo, un po’ se l’è cercata, visti gli episodi nefasti di cui si è macchiata ai tempi di Marcinkus e di Donato de Bonis. Ma qualunque sforzo di trasparenza venga fatto da almeno 20 anni a questa parte dalle parti del torrione Niccolò V non ha nessuna importanza. Del rapporto di 64 pagine come quello di ieri sull’iter di trasparenza finanziaria intrapreso dalle finanze vaticane in campo internazionale, con l’avvenuta valutazione positiva del Gafi e di Moneyval, sono stati presi dai giornali di tutto il mondo solo i sei casi citati di ispezione per sospetto riciclaggio. Eppure non risulta che vi siano banche, in tutto il mondo, che fanno conferenze stampa su simili episodi, che certamente avvengono.

 

E così succede che ancora una volta l’Istituto finanziario vaticano venga ridipinto come una lavanderia di denaro sporco. Commenta Angiolo Bandinelli, sul Foglio: “Nell’immaginario corrente il Vaticano è la location perfetta di crimini e violenze d'ogni genere. In questo ruolo, il Vaticano è la sintesi, la quintessenza di una amata-odiata Italia nella quale l'intrigo, l’ipocrisia e la perfidia, l'assassinio, la gelosia come malattia dell'anima sono gli storici, eterni ingredienti che rendono sulfureo e infido un paese di bellezze irripetibili, dunque invidiate e insidiate (…). Sarebbe difficile fare la conta di tutto quanto si è scritto sulle malefatte del Vaticano, anzi dei "sotterranei" del Vaticano. Il sesso, in ogni declinazione possibile, è ovviamente al centro. Quasi sempre in combinazione con il denaro: eccita tremendamente elucubrare di immense ricchezze nascoste sotto la cattedra di San Pietro, un illimitato forziere messo assieme dall'avidità curialesca e pretesca”.

Forse l’unico modo per rimediare e liberarsi da questi pregiudizi mediatici duri a morire la Santa Sede dovrebbe assumere Dan Brown. Anche se un contratto di consulenza potrebbe costargli caro.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%