logo san paolo
sabato 27 novembre 2021
 
Sacramenti e ballerine
 

"Se la Prima Comunione diventa il ballo delle debuttanti"

26/05/2016  Il sacerdote pugliese don Alessandro Amapani commenta la festa di Prima Comunione svoltasi ad Altamura con performance di un paio di ballerine brasiliane invitate come "dono" per il bambino: "Una depravazione figlia della perdita del senso del sacramento. Siamo alla follia: ci sono famiglie che si fanno mutui in banca per pranzi al ristorante e regali di questo genere".

Due ballerine brasiliane come regalo alla festa della Prima Comunione.  Non per l’addio a un celibato, eh! O come attrazione per la serata in discoteca. “E’  la Prima Comunione scambiata e utilizzata come festa per l’ingresso mondano in società. Questa è degenerazione pura della religione e la totale incomprensione del senso di un sacramento”, è il commento  sconsolato di don Alessandro Amapani,  sacerdote pugliese esperto in pastorale dei ragazzi, già vicedirettore del Servizio per la pastorale giovanile della Cei.

   Ha fatto il giro d’Italia, più del vero Giro d’Italia, il video amatoriale girato in un ristorante di Altamura durante i festeggiamenti per una Prima Comunione, dove  ad un certo punto entrano “in ballo” un paio di prosperose ragazze carioca in perizoma per una performance a ritmo di samba.

     Il sacerdote, che è parroco da sette anni  proprio ad Altamura, prosegue: “Che dire? Che non si sa più cosa si celebra. Che, nonostante gli sforzi delle parrocchie, esiste un’ignoranza sul senso e la dinamica del sacramento che va denunciata con forza. I genitori stanno scambiando sempre più di frequente la Prima Comunione come una vetrina e una esaltazione dei propri figli”, un po’ come fosse il ballo delle debuttanti.    "Forse anche noi sacerdoti dovremmo evitare di dare troppa enfasi alla festa e tenere un profilo più sobrio.  La celebrazione della Prima comunione, nella mia  parrocchia,   è sempre inserita nella messa ordinaria domenicale, non cambia nulla".

    E poi l’affondo: “Questo episodio, che è solo la punta dell’iceberg, è il sintomo del fallimento del mondo adulto che proietta le proprie aspettative nei figli, in questo caso, attraverso il sacramento dell’Eucaristia; ma vale pari pari per il battesimo, la cresima o il matrimonio. Questa è degenerazione pura della religione. E’ dimenticarsi che al centro del sacramento c’è Dio e il suo dono e non l’uomo. Invece qui ciò che conta è il dono che si deve fare al festeggiato. Un oggetto, che deve apparire”. E più è costoso e vistoso il regalo e più la festa sarà memorabile e con essa sarà ricordato chi l’ha organizzata. “Ci sono famiglie che si indebitano per queste feste, c’è chi chiede un mutuo alla banca, perché non si può sfigurare, a costo di rovinarsi”, ricorda il sacerdote pugliese.

       “Oggi sono le ballerine brasiliane, ma non sono certo loro il problema. E’ l’adulto che, incapace di capire il senso profondo di un sacramento, lo strumentalizza per  esaltare se stesso.  C’è perfino qualcuno che s’è inventato di scrivere sui cartoni delle pizze: ‘per la festa di Prima Comunione’”.
   Ma sì, dopo il Pane eucaristico…  capricciose e diavole per tutti. Che problema c’è?      

I vostri commenti
19

Stai visualizzando  dei 19 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo