Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 19 giugno 2024
 
 

Se Muti non dirige a perderci sono i musicisti

03/10/2014  Il muro contro muro dei sindacati al Teatro dell'Opera di Roma alla fine ha portato alla rinuncia di Riccardo Muti, che avrebbe dovuto dirigere l'aida di verdi e le Nozze di Fifaro di Mozart. Ma non è Muti il più penalizzato da questo assurdo finale. Sono i professori che avrebbero potuto stare alla ribalta suonando con lui.

La rinuncia di Riccardo Muti a dirigere al Teatro dell’Opera di Roma L’Aida di Giuseppe Verdi e Le nozze di Figaro di Mozart è innanzitutto una sconfitta per la musica e per i melomani: la scena artistica italiana s’impoverisce. E poi, certo, è anche una sconfitta per i professori d’orchestra di Roma. Perché Riccardo Muti è ormai un gigante, una star, e dirige anche a Chicago dov’è osannato. Che cosa può perdere davvero Muti da questo suo gesto eclatante? Una carriera? Un’occasione di mettersi in mostra?

Chi ci perde davvero molto, in immagine e opportunità, è l’Orchestra del Teatro di Roma. I professori protestano perché rivogliono l’organico completo e i contratti a tempo indeterminato (comprensibile). Ma una eccessiva e superata sindacalizzazione, visto come evolve il mondo del lavoro, fa male solo ai musicisti. Sono loro che grazie a Muti, direttore onorario a vita del loro Teatro, potevano mettersi in mostra davanti al mondo con Verdi e Mozart. E non lo faranno. Peccato

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo