Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
caporalato
 

Don Ciotti: se non c'è dignità, il lavoro è schiavitù

07/08/2018  La riflessione del presidente di Libera a seguito degli incidenti in cui hanno perso la vita in due giorni 16 braccianti agricoli in Puglia.

«Dodici persone morte, tre ferite. Sabato scorso, quattro persone morte, quattro feriteTutti migranti  impegnati in Puglia nel lavoro dei campi». Comincia così la riflessione diffusa sul sito di Libera da don Luigi Ciotti presidente di Libera e del Gruppo Abele, a seguito dell'ultima tragedia del lavoro nel foggiano, dove il 6 agosto, dodici braccianti agricoli hanno perso la vita nell'incidente causato dal furgoncino che, stipati, li portava al lavoro.  Foggia, non a caso,  il 21 marzo scorso era stata scelta da Libera come sede della marcia annuale in ricordo delle vittime di mafia.

«Non possiamo parlare - scrive don Ciotti - di fatalità. Incidenti di questo genere si ripetono da tempo, da anni, dall’epoca in cui a lavorare nei campi erano soprattutto nostri connazionali. Abbiamo oggi una buona legge sul caporalato, che però deve essere messa in condizione di funzionare (su cui si fa il punto sul numero 32 di Famiglia Cristiana ndr., in edicola dal 9 agosto ndr.) Ma c’è a monte una questione più generale che riguarda il lavoro. Questo sistema sembra aver dimenticato che il lavoro è la base della dignità della persona, e che questa dignità si garantisce con i diritti, con la sicurezza, con la giusta retribuzione. Altrimenti abbiamo lo sfruttamento se non la schiavitù. Di fronte a quelle morti bisogna stare in silenzio, ma poi occorre chiedersi in che genere di mondo vogliamo vivere. Se in quello dove il lavoro è un diritto e un libero contributo al bene comune, o in quello, che sempre più cupamente si annuncia, dove l’essere umano sfrutta il suo prossimo e c’è solo posto per gli egoisti, per gli indifferenti, per i potenti e per i corrotti. Perché se è il primo mondo quello che vogliamo, non è più possibile assistere inerti a questo olocausto di vita e di speranza».

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo