logo san paolo
giovedì 26 maggio 2022
 
Ragazzi insonni
 

Perché un adolescente non dorme prima delle tre di notte

28/08/2017 

Nostra figlia di 16 anni da circa un anno ci sta facendo impazzire andando a dormire la sera molto tardi, sempre oltre la mezzanotte, salvo casi in cui va a dormire alle 3 di notte. A volte per compiti che non è riuscita a terminare prima o per la preparazione a verifiche o interrogazioni, ma spesso senza una vera necessità. Il problema è che poi la mattina si deve alzare alle 6,30. Questa cosa ci preoccupa molto per la sua salute e siamo certi che comporta un peggioramento nella qualità dello studio con difficoltà a concentrarsi. Pensavamo fosse legato all’uso di smartphone o Pc, e in parte lo è, ma i vari sequestri degli strumenti informatici non hanno risolto il problema, ma solo leggermente migliorato.

GIULIANA E MARCO

— Come se il tempo del sonno fosse tempo sprecato, quando è così bello potersi dedicare nel silenzio della notte alle proprie cose: lo studio, ma anche la musica, i video, le chat con gli amici, le serie tv. Sembra essere questo il pensiero di molti ragazzi. E il corpo, pieno di energie, sembra non risentirne. Il tempo a disposizione per sé stessi si allunga di molto, non ha confini, se non lo stremo delle forze che spinge ad andare a letto. Ci si sente indistruttibili e potenti, noncuranti dei limiti del corpo e del buon senso. La fine della scuola e della sveglia fissa al mattino potrebbe rafforzare questa abitudine. Come pure il contrario: avendo più tempo a disposizione per sé, c’è meno l’esigenza di strapparlo alle ore notturne. Che cosa si può fare? I ritmi di sonno e veglia hanno variazioni individuali e gli studi scientifici ci dicono che l’ora del sonno è legata a caratteristiche personali più che alle attività svolte la sera. In più, non è facile esercitare un controllo. Anche perché probabilmente i genitori si coricheranno prima della ragazza, che avrà campo libero. Se un intervento d’autorità appare poco utile e praticabile, è meglio intervenire su altri fronti. Durante il periodo scolastico, per esempio, è difficile credere che il tempo pomeridiano non sia sufficiente per assolvere gli impegni di studio. Probabilmente la ragazza non sa organizzarsi bene o si dedica ad altro. Meglio ripensare insieme all’uso del tempo pomeridiano: lo studio serale e notturno deve essere un evento sporadico, eccezionale. Può essere utile trovare riti condivisi che facilitino il passaggio di tutta la famiglia al sonno in un orario comune. Trascorrendo le serate insieme, e non ciascuno nella sua camera, condividendo la scelta di un programma tv o di un film in streaming, per poi avviarsi tutti al riposo notturno.

Oggi puoi leggere GRATIS Famiglia Cristiana, Benessere, Credere, Jesus, GBaby e il Giornalino! Per tutto il mese di agosto sarà possibile leggere gratuitamente queste riviste su smartphone, tablet o pc.

I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo