logo san paolo
sabato 02 luglio 2022
 
Colloqui col Padre
 

Se una lettrice critica il Papa sulle unione civili

29/09/2016  Una lettrice ci ha scritto dichiarandosi perplessa sulle dichiarazioni del Papa a proposito delle unioni civili. Risponde don Antonio Sciortino, direttore di Famiglia Cristiana: «Perplessità infondate. Alcuni cristiani superano il limite della legittima critica, „sino alla gratuita offesa. Che spesso si fonda sulla non conoscenza del pensiero di Francesco».

Ho letto la sua risposta a Barbara, dal titolo “Ora c’è chi vuole insegnare a Francesco a fare il Papa” (FC n. 34/2016). Vorrei esprimere una considerazione, premettendo che sono credente e praticante. Non ritengo che l’elezione a Pontefice renda immune Francesco da errori, visto che l’infallibilità riguarda solo i pronunciamenti “ex cathedra”. Per il resto, anche lui è soggetto a errori, fragilità e debolezze, come qualsiasi altro essere umano. Sono rimasta assai perplessa quando, in un’intervista, Francesco ha detto di non volersi immischiare nel tema delle unioni civili. C’è un proverbio che dice: «Chi tace acconsente». A quanto ho letto, so che vi sono anche vescovi che hanno le mie stesse perplessità.

MARIA C.

Fin dal tempo dei primi apostoli c’è sempre stato nella Chiesa un confronto schietto e sincero su tante questioni. Ma sempre nello spirito della verità. E, soprattutto, della carità. Senza mai mancare di rispetto verso chi ha autorità. Lo stesso papa Francesco, all’inizio del Sinodo sulla famiglia, ha invitato vescovi e partecipanti a parlare con franchezza, senza il timore di dire qualcosa che potesse essere non gradita al Papa. Ma la supponenza porta alcuni cristiani a superare il limite della legittima critica, „fino alla gratuita offesa. Che, spesso, si fonda sulla non conoscenza del pensiero di Francesco.

I vostri commenti
22

Stai visualizzando  dei 22 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo