logo san paolo
domenica 04 dicembre 2022
 
Teologo
 

Secondo il decalogo, si può desiderare una donna libera?

29/05/2019 

Il nono comandamento dice di non desiderare la donna d’altri. Allora, al contrario, se la donna è libera si può desiderare? - GIACOMO

Il suo è un modo strano di ragionare. Stiamo parlando di persone, non di cose. Quando diciamo che una donna è libera non signi†fica che è del primo che se ne impossessa. Questo vale per le cose, non per le persone, per cui per le cose e solo per le cose vale il principio che res nullius primi possidentis, cioè una cosa senza proprietario è del primo che la prende.

La donna non è una cosa e non ha senso chiedersi di chi è. È di sé stessa e di Dio e chiunque vuole entrare nella sua vita deve chiederle il permesso ed è lei a decidere come rispondere. E se desidera avere con lei un rapporto completo, deve assicurarle un amore personalizzato e totalizzante, cioè che sarà tutto suo e solo suo per tutta la vita. Il che non è possibile a chi è già sposato, perché è già tutto e solo della sua sposa. Naturalmente, se nessuno dei due è affettivamente impegnato, potranno esprimere l’uno all’altro il loro desiderio di condividere tutta la vita in un rapporto fedele e indissolubile.

I vostri commenti
6

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo