Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
 

Secondo la Chiesa ci sono persone già all’inferno?

02/01/2018  Un lettore si domanda se, nonostante la Chiesa non lo abbia dichiarato, se esistano persone all’Inferno, come parrebbe secondo lui evincere dalla Scrittura. La risposta del teologo.

MAURIZIO - La Chiesa non ha ancora dichiarato se esistano persone all’Inferno, ma a me pare che dalla Scrittura si debba evincere il contrario.

Come ha detto Giovanni Paolo II in una famosa catechesi, l’Inferno è una «reale possibilità», proprio perché la fede implica l’esercizio della libertà da parte dell’uomo, contemplando la Rivelazione e anche il rifi uto. Dio rispetta a tal punto le nostre scelte libere da mettere a rischio il suo progetto d’amore, che «vuole che tutti gli uomini siano salvi». Poiché, però, non ci è dato stabilire il grado di consapevolezza e di responsabilità dei singoli, la sapienza della Chiesa non esclude che l’Inferno sia vuoto, anche perché i credenti lavorano e sperano perché nessuno lo abiti. L’attesa così si carica di speranza non per un facile ottimismo e la rinuncia a ogni differenza fra bene e male. Di qui l’invito a non forzare la parola di Dio oltre l’interpretazione che ce ne offre la Chiesa e a riporre la nostra fiducia nel Dio misericordioso e fedele, rinunciando ad atteggiamenti di condanna dei nostri fratelli, vivi o defunti.

Catechismo della Chiesa cattolica. Edizione speciale con nuovi commenti

I vostri commenti
9

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo