logo san paolo
mercoledì 20 ottobre 2021
 
spionaggio
 

Segreti militari alla Russia: scoppia la guerra fredda tra Roma e Mosca

31/03/2021  Un ufficiale della Marina, Walter Biot, passava documenti top secret a un diplomatico russo in cambio di soldi. La Farnesina convoca l'ambasciatore ed espelle due funzionari russi.

L'ambasciatore russo Sergey Razov.
L'ambasciatore russo Sergey Razov.

Due uomini si incontrano in un parcheggio a Roma. Fra i due avviene un furtivo passaggio di buste. In una ci sono dei soldi, nell’altra documenti segreti militari. L’uomo che intasca i soldi è un capitano di fregata della Marina Militare italiana, i documenti sono invece per un diplomatico dell’Ambasciata russa in Italia. Ma in questa scena che sembra presa da un classico film o romanzo di spionaggio il militare traditore della patria e il diplomatico straniero avido di segreti non sono soli. Assistono alla scena i Carabinieri del Ros (Raggruppamento Operativo Speciale), che dopo aver pedinato l’italiano, fermano i due uomini. 

L’ufficiale della Marina, Walter Biot,  è in arresto, mentre il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, che giudica la vicenda "gravissima", ha già annunciato l'espulsione immediata di due diplomatici russi. Intanto, su istruzioni del ministro  Di Maio,il Segretario Generale del Ministero degli affari esteri, Elisabetta Belloni, ha convocato al Ministero questa mattinal'Ambasciatore della Federazione Russa presso la Repubblica Italiana, Sergey Razov. Razov, 68 anni, è ambasciatore in Italia dal maggio del 2013. In precedenza era stato ambasciatore in Polonia, viceministro degli esteri e ambasciatore in Cina.

In  una nota, l’Ambasciata russa a Roma scrive: ”Confermiamo il fermo il 30 marzo a Roma di un funzionario dell'ufficio dell'Addetto Militare. Si verificano le circostanze dell'accaduto. Per adesso riteniamo inopportuno commentare i contenuti dell'accaduto. In ogni caso ci auguriamo che quello che è successo non si rifletta sui rapporti bilaterali tra la Russia e l'Italia".

L’ intervento dei Carabinieri è stato effettuato sotto la direzione della Procura di Roma, e l'attività informativa è stata condotta dall'Agenzia Informazioni Sicurezza Interna, con il supporto dello Stato maggiore della Difesa. È confermato che il militare italiano ha fornito copie di documenti, ricopiati su uan chiavetta,  che erano all'attenzione dello Stato Maggiore della Difesa. Nei confronti di Biot, detenuto nel carcere di Regina Coeli, l'accusa è di procacciamento di notizie concernenti la sicurezza dello Stato, spionaggio politico e militare, diffusione di notizie di cui è vietata la divulgazione. In cambio dei documenti Biot avrebbe ricveuto dal diplomatico russo un somma in contanti di 5 mila euro.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%