logo san paolo
mercoledì 26 gennaio 2022
 
La storia di Martina Camuffo
 

"Sei incinta? E io ti assumo lo stesso"

10/02/2017  Una donna giunta al nono mese di gravidanza è stata assunta da un'azienda di Mestre. Il titolare, Samuele Schiavon: "Non siamo nè eroi, nè benefattori. Martina è brava e la vogliamo con noi".

Il fatto è semplice: un’azienda veneta assume una donna a dieci giorni dal parto. E’ accaduto a Mestre: Samuele Schiavon, 38 anni, titolare della “The creative way”, agenzia, con sede anche a Padova, che si occupa di comunicazione e progettazione web, ha deciso di  assumere Martina Camuffo, veneziana, 36 anni, pur sapendo che  è incinta. La donna infatti, in un colloquio di due mesi or sono, aveva messo al corrente l’azienda della novità. Pochi giorni fa Martina col suo pancione bene in vista, s’è recata nella sede di Mestre e  ha firmato il contratto di lavoro. La notizia ha fatto subito il giro dei media nazionali e dei social.  L’ha ripresa addirittura l’ex-presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che su Facebook scrive di aver chiamato l’imprenditore  “per ringraziarlo del bel gesto”.  E la posta elettronica dell’azienda è stata inondata da innumerevoli  “grazie” firmati da donne e madri.

 

“In un Paese normale un fatto del genere  non avrebbe certo creato scalpore. Evidentemente l’Italia non è un Paese normale”: commenta con un po’ di amarezza Schiavon. “Conoscevo la donna da precedenti esperienze  professionali e  le sue competenze combaciavano con quanto stavamo cercando. La sua presenza nel nostro nuovo team di lavoro era la ciliegina sulla torta.  E, quando, all’ultimo colloquio di fine novembre, ci ha fatto sapere di essere al settimo mese di gravidanza, abbiamo valutato la cosa con il contitolare dell’agenzia e deciso che l’avremmo assunta e attesa per qualche mese. Abbiamo scelto di investire in Martina perché è brava. Punto e basta. Non siamo né eroi, né dei benefattori”.    

 

E la maternità? Non è un problema, anzi. Schiavon confessa che alla moglie due anni fa non venne rinnovato un contratto di lavoro in concomitanza della sua gravidanza. “Lo so bene che tanti imprenditori italiani vedono le maternità come il fumo negli occhi e licenziano, o non assumono le donne in attesa di un bimbo. A me, invece, non è mai passato per la mente un pensiero del genere: se un dipendente  vale, vale e basta; se poi è felice per il lieto evento, com’è una nascita di un figlio, tutto di guadagnato. Io vivo per la mia famiglia e non vedo l’ora di tornare a casa per rivedere mia moglie e mia figlia”. E conclude: “Spero che questo gesto sia d’esempio per altri. Le leggi a tutela della maternità non mancano nel nostro Paese, è forse questione di cultura”.

 

E noi siamo d’accordo con lui: in Italia la maternità per una donna che cerca un lavoro o che già lavora sembra essere una condanna a morte. A quante donne è stato intimato di non avere figli dai propri datori di lavoro? A quante altre sono state imposte le cosiddette “dimissioni in bianco” una volta arrivata una gravidanza? Tante , troppe, ancora.  Attendiamo il giorno in cui  a far clamore  siano solo questi squallidi comportamenti e non più l’assunzione di Martina.       

 

I vostri commenti
5

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo