logo san paolo
lunedì 06 dicembre 2021
 
Patriarca di Venezia
 

«Senza lavoro non c'è famiglia»

19/12/2013  Monsignor Francesco Moraglia, patriarca di Venezia, durante la Messa di Natale davanti agli operai del Petrolchimico di Porto Marghera parla di diritto al lavoro, e di un nuovo patto sociale che metta al centro la persona.

Il lavoro è la nostra dignità, è il fondamento della nostra vita di persone libere, della vita delle nostre famiglie”. A sottolineare lo stretto legame che esiste tra il lavoro e la possibilità di fare famiglia  è stato il patriarca di Venezia,  monsignor Francesco Moraglia nell’omelia della messa di Natale al Petrolchimico di Porto Marghera. “Senza lavoro non c’è dignità umana, non c’è possibilità di relazioni umane libere, non c’è possibilità di costruire la famiglia che è bene comune. Perciò il lavoro è non solo il presente ma anche il futuro di una società”,  ha aggiunto  Moraglia a 300 dipendenti delle aziende presenti nello stabilimento del petrolchimico,  da sempre luogo simbolo delle lotte operaie  del polo industriale veneziano, in crisi da molti anni.

Operai alla Messa del Petrolchimico di Porto Marghera
Operai alla Messa del Petrolchimico di Porto Marghera

Davanti a un’altare  costruito da valvole industriali  e un crocefisso piantato su  un fusto di olio lubrificante, opere di Ilario Bisacco, un tecnico di un’impresa del Petrolchimico,  il Patriarca ha affermato con forza che  “Stato, politica e società civile sono chiamati, in modo differente, non a promettere ma a garantire e promuovere il lavoro, non ad irregimentare l’intera vita ma ad assicurare le condizioni per un lavoro dignitoso e a sostenere l’attività economica”.

E’ necessaria una “nuova cultura del lavoro”, ha  precisato il vescovo, che esca da una concezione solo economicistica e ha  ribadito l’esigenza di “una nuova alleanza tra tutti i soggetti - Stato, società civile, imprese, associazioni di categoria, sindacati e partiti”. “Se si riconvertiranno al bene comune,  potrà nascere una vera politica per il lavoro. Anzi, un vero patto per il lavoro e lo sviluppo in cui la persona torni ad essere il centro”. Ha riecheggiato poi le parole dette da Papa Francesco, tre mesi fa, ai lavoratori della Sardegna: “Dobbiamo non lasciarci togliere e rubare la speranza”. Infine il Patriarca ha ricordato i lavoratori defunti, soprattutto a causa di infortuni, le vittime del terrorismo legate al Petrolchimico (“persone che hanno fatto la storia di questo territorio”) e il diacono Arturo Pedrazzi.  

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo