logo san paolo
domenica 20 settembre 2020
 
dossier
 

Servizio civile, dopo lunghe battaglie sì agli stranieri

07/03/2016  Anche gli stranieri hanno il diritto e il dovere di rendersi utili alla società. A dirlo è la Corte Costituzionale in una sentenza sul servizio civile, l’occasione per i giovani fino ai 28 anni di vivere un’esperienza di solidarietà e cooperazione.

È contento Shahzad Syed, il figlio di immigrati pachistani che nel 2011 portò le carte in tribunale. All’epoca aveva 26 anni ed era in Italia da quando ne aveva otto; si era appena laureato in Giurisprudenza dopo elementari, medie e superiori tutte frequentate a Milano. «Ho presentato la domanda di servizio civile», racconta, «perché volevo vivere un’esperienza di aiuto agli altri. All’estero, magari in Africa, oppure anche in Italia». Shahzad si aspettava che gli chiedessero dove e per quanti mesi, invece ricevette la risposta «no, non puoi partecipare». Perché “straniero a casa sua”. A causa dell’arretratezza della nostra legge, il giovane non aveva diritto alla cittadinanza sebbene fosse in Italia da 18 anni. «E soprattutto», aggiunge, «nonostante mi sentissi pienamente italiano».

Insieme all’Asgi (Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione) e all’Apn (Avvocati per niente), il laureato in Legge ha fatto ricorso e i giudici di primo e secondo grado gli hanno dato ragione; la Cassazione ha poi chiesto l’intervento della Corte Costituzionale, che ha ribadito lo stesso orientamento. Il servizio civile va visto come «un’opportunità di integrazione e di formazione alla cittadinanza» e le «attività di impegno sociale» sono «base della convivenza».

Nel testo redatto da Giuliano Amato, oggi giudice costituzionale, si legge: «L’esclusione dei cittadini stranieri, impedendo loro di concorrere a realizzare progetti di utilità sociale, e di conseguenza di sviluppare il valore del servizio a favore del bene comune, comporta un’ingiustificata limitazione al pieno sviluppo della persona e all’integrazione nella comunità di accoglienza».

Nel 2012 il bando per il servizio civile non venne ripresentato. «Qualcuno», ricorda Shahzad, «provò a far passare l’idea che fosse colpa mia e della questione di giustizia che avevo posto». Poi nel 2013 le nuove selezioni: ancora con il vincolo della cittadinanza, nonostante ci fosse già stata la prima sentenza.

Ulteriore impugnazione e finalmente il ministro Kyenge fece un intervento correttivo, estendendo la possibilità agli stranieri comunitari e agli extracomunitari lungo-soggiornanti, cioè titolari della ex carta di soggiorno. Mille giovani stranieri chiesero di impegnarsi per gli altri con il servizio civile e in 600, su 14 mila, vennero selezionati. Il bando del 2015 ha finalmente recepito queste indicazioni.

«È una decisione importantissima», commenta l’avvocato Alberto Guariso che ha assistito Shahzad, «che incide sulla nozione stessa di cittadinanza e di patria: sono cittadini tutti coloro che condividono le sorti della comunità nella quale vivono e ad essi spetta uguaglianza di diritti e doveri». Per questo ora molte associazioni e lo stesso sottosegretario con delega al Servizio civile Luigi Bobba chiedono alle Camere di mettere nero su bianco l’apertura ai giovani stranieri nella riforma del Terzo Settore, attualmente in discussione. I parlamentari potranno farlo sapendo che agiscono nello spirito della Costituzione.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%