Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
 

Servono esempi di eccellenza femminile

19/07/2013  Il presidente della Camera, Laura Boldrini promuove la scelta della RAI di bocciare Miss Italia definendola «una scelta moderna e civile». E si sbilancia rispetto al modello femminile che passa nei media, figura che va rivista «dato che solo il 2% delle donne in televisione esprime un parere e il resto è muto». Ne parliamo con Chiara Giaccardi, docente di Sociologia e Antropologia dei Media in Università Cattolica.

Il presidente della Camera, Laura Boldrini promuove la scelta della RAI di bocciare Miss Italia definendola «una scelta moderna e civile». E si sbilancia rispetto al modello femminile che passa nei media, figura che va rivista «dato che solo il 2% delle donne in televisione esprime un parere e il resto è muto». Ne parliamo con Chiara Giaccardi, docente di Sociologia e Antropologia dei Media in Università Cattolica, che trova l’affermazione di Laura Boldrini condivisibile, con una rappresentazione femminile nei media deprimente. Ma con un’attenzione: «serve un lavoro culturale profondo che non si fa certo a colpi di provvedimenti o di soppressioni dei programmi né tanto meno alimentando polemiche tra “fazioni” diverse. Non basta essere pro o contro Boldrini ma bisogna immaginare cornici diverse da quella proposte dai media».

- Ha senso la scelta della RAI?
«La Rai ha preso una decisione sensata anche perché si può ricreare un programma che valorizzi la femminilità in altro modo. Miss Italia è un programma che come Carosello ha fatto la storia ,ma anche la sua storia. Ha una bassa audience ed è un programma mediocre che mostra la corda. L’Italia è cambiata, non è più quella che si affacciava in un mondo dove per le ragazze c’erano poche chance. Oggi Miss Italia è assolutamente anacronistico».

- Condivide l’affondo della Boldrini sulla figura della donna nei media?
«Condivido, anzi rilancio perché trovo che il discorso sulla donna sia più ampio e ambivalente. Viviamo nel paradosso di avere da un parte il rischio di una iper - femminilizzazione di questioni che sono ben oltre il genere. Penso al dibattito sul femminicidio. Ci si concentra sulla donna senza vedere che questo è un problema culturale, dove è la vita ad essere svalutata. L’altro o è uno strumento o è un ostacolo e se è un ostacolo mi sento autorizzato a rimuoverlo. Dall’altra una presenza e proposta di immaginari sulla donna di una povertà desolante, a partire dalla pubblicità. Da qui la necessità fondamentale di rivedere le proposte dando spazio a donne che hanno qualcosa da dire. Viviamo un immaginario dominato dalla parzialità della donna, dove il corpo è usato per raggiungere obiettivi. Bisogna, invece, valorizzare in maniera piena e coltivare la propria identità che è un lavoro di costruzione di sé che dura tutta la vita. Cercare di capire per cosa si è fatte e di valorizzare tutte le dimensioni da cui siamo composte. Tendere ad una libertà che è pienezza, tra lavoro, maternità e passioni. A quel punto la sensibilità della donna, diversa da quella maschile, può essere solo un valore aggiunto».

- Se dovesse riscrivere lei Miss Italia, come la immaginerebbe?
«Ne farei una nuova che va a cercare nel Paese donne che hanno fatto qualcosa di originale, interessante, direi generativo. Se vogliamo cercare degli esempi di eccellenza femminile dobbiamo allargare lo sguardo al di là del corpo e della semplice avvenenza fisica e cercare la significatività della persona».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo