Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 luglio 2024
 
scuola
 

Settimana corta anche per studenti e professori? Ecco i pro e i contro

14/09/2022  La invocano per motivi di risparmio energetico, ma il ministro Bianchi non la vuole. In realtà c'è già alle elementari e alle medie. E negli istituti di secondo grado dove è stato sperimentato ...

Non è l’uomo per il sabato ma il sabato per l’uomo. Vale anche quando si parla di studenti, famiglie e professori? Ogni tanto si torna a parlare di settimana corta a scuola. Quest’anno il tema è particolarmente sentito perché – in un clima da economia di guerra - il risparmio che se ne otterrebbe in termini di riscaldamento, luce e trasporti varrebbe come contributo alla grave crisi energetica che stiamo attraversando a causa dell’invasione ucraina. Ieri il ministro della Pubblica istruzione Patrizio Bianchi si è detto contrario, ma per una questione di principio. Nel senso che non è giusto chiedere ulteriori sacrifici alla scuola, anche in termini di risparmio energetico. Perché la scuola dovrebbe essere la prima a pagare? Sul piano dei sacrifici insomma non si può partire da allievi e docenti, proprio perché allievi e docenti hanno già dato.

Ma il punto è un altro: siamo sicuri che la settimana corta sia un sacrificio? Siamo certi che non si potrebbe fare, come si suol dire, di necessità virtù? Proviamo a vedere in linea di massima costi e benefici, con una premessa importante, che la maggior parte delle scuole elementari e medie sta attuando già da tempo la settimana corta. Scolari e allievi delle scuole di primo grado infatti il sabato a scuola non ci vanno. Per gli istituti di secondo grado invece la scelta è molto soggettiva e viene affidata all’autonomia scolastica, anche se la maggior parte dei licei e delle altre realtà educative l’orario è steso su sei giorni, da lunedì a sabato. L’esperienza però ci dice che chi ha sperimentato la settimana corta difficilmente torna indietro, e questo dovrebbe già dirci qualcosa. Ma quali sono le difficoltà nel sopprimere il sabato? La prima è che è necessario concentrare tutta l’organizzazione scolastica su cinque giorni anziché sei, con difficoltà tecniche non da poco: pensiamo al gran ballo del corpo docenti che si alterna su un lasso di tempo più breve. Bisogna ridisegnare gli spazi, perché occorrono più persone in meno tempo e servono più classi.

Naturalmente l’orario quotidiano si allungherebbe di almeno un’ora: e in alcuni istituti in cui vige la settimana corta il suono della campanella arriva alle cinque del pomeriggio. Giorni dunque più pesanti per professori e soprattutto studenti. Ne risente il loro benessere psicofisico? L’orario di un liceo non è certo lo stesso di una scuola media inferiore. Possono reggere i ragazzi a una pressione didattica non indifferente? La loro capacità di assimilazione e apprendimento insomma potrebbe risentirne, se dopo un’ora di matematica, due di latino, una di filosofia, due di ginnastica, se ne vedono arrivare anche una di inglese . E i compiti a casa? Anche questa è una “vexata quaestio”: alleggerire, in caso di settimana corta, il lavoro extrascolastico o mantenerlo intatto, costringendo i ragazzi a serate leopardiane di studio “matto e disperatissimo”? I pedagogisti di solito sono piuttosto scettici poiché la scuola è un'esperienza importante proprio perchè quasi quotidiana. Dunque ridurre i giorni di permanenza tra i banchi può limitare l'affezione all'istituzione scolastica, e dunque anche la fiducia, che si nutre anche di continuità. D’altro canto solo la domenica, magari con una caterva di compiti, per riprendersi, non basta. Il dibattito è aperto. Finora nessuno è mai riuscito a dimostrare né l’una né l’altra tesi.

Sul piano dei vantaggi non c’è bisogno di essere un pedagogista o un sociologo. Il weekend libero è una gran comodità per le famiglie (tranne per i genitori che il sabato e la domenica lavorano, come nei supermercati) e gli studenti se ne avvantaggerebbero sul piano del benessere psicofisico. E naturalmente le spese di energia trasporti e luce si accorcerebbero di un sesto, un risparmio non da poco se moltiplicato per i 7.041 istituti di secondo grado esistenti in Italia. Anche se molti presidi obiettano che la maggior parte degli impianti non consente un efficientamento energetico quando si spengono e riaccendono i riscaldamenti. In parole povere lo spegnimento del sabato e la riaccensione del lunedì sarebbe più costosa che mantenere il riscaldamento a temperatura costante. Come si vede, il ministro non vuole, ma il dibattito è aperto e l’ultima parola ce l’hanno i presidi.
 

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo