Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 luglio 2024
 
settimana sociale
 

Monsignor Luigi Renna: «Diritti, pace, sviluppo, i cristiani lungo le vie della democrazia»

06/07/2023  Questa forma di governo (minacciata in tante parti del mondo) sarà il tema centrale dei lavori promossi dalla Chiesa italiana a Trieste dal 3 al 7 luglio 2024. «Non bastano il momento elettorale e il rispetto formale dei diritti delle minoranze per definire una democrazia». Sul numero in edicola da giovedì 6 luglio, Famiglia Cristiana pubblica una riflessione dell'arcivescovo di Catania e presidente Comitato scientifico e organizzatore delle Settimane sociali dei cattolici

Monsignor Luigi Renna, 57 anni, arcivescovo di Catania e presidente del Comitato scientifico e organizzatore della Settimana sociale dei cattolici in Italia. Foto Ansa. In alto e in copertina: l'aula di Montecitorio. Foto Ansa.
Monsignor Luigi Renna, 57 anni, arcivescovo di Catania e presidente del Comitato scientifico e organizzatore della Settimana sociale dei cattolici in Italia. Foto Ansa. In alto e in copertina: l'aula di Montecitorio. Foto Ansa.

«Mentre le narrazioni raccontano oggi soprattutto un’Italia “senza” (senza cittadini, senza abitanti, senza fedeli, senza lavoratori), vogliamo scorgere, con una lettura sapienziale, cosa c’è e cosa occorre risvegliare perché ci sia democrazia. Sarà importante tornare a essere protagonisti della partecipazione». Monsignor Luigi Renna, arcivescovo di Catania e presidente del Comitato scientifico e organizzatore della Settimana sociale dei cattolici, indica obiettivi e suggerisce modalità dell’impegno dei credenti in vista del prossimo grande appuntamento programmato a Trieste tra un anno esatto, dal 3 al 7 luglio 2024, sul tema Al cuore della democrazia. Lo fa in un editoriale che Famiglia Cristiana pubblica nel numero da oggi in edicola.

Posto che «non basta il momento elettorale o il rispetto formale dei diritti delle minoranze per definire una democrazia», monsignor Renna invita a percorrere «una via cristiana verso di essa, che non mira alla questione del potere e delle decisioni, ma si ferma davanti a una domanda più radicale: che cosa può fare di noi una comunità aperta e generativa?».

«La dottrina sociale più recente della Chiesa più recente», conclude l’arcivescovo di Catania, quella compiutamente espressa «nell’enciclica Fratelli tutti di papa Francesco pone la questione in maniera cogente: “Il tentativo di far sparire dal linguaggio la categoria di popolo, potrebbe portare a eliminare la parola stessa ‘democrazia’” (numero 157)». La questione che questo magistero ci pone è che l’esperienza di essere popolo non è ideologica, ma un’identità fatta di legami sociali e culturali, che vanno coltivati e riscoperti, in un processo lento, difficile verso un progetto comune»

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo