logo san paolo
domenica 23 gennaio 2022
 
 

Sharjah, capitale mondiale del libro

02/11/2019  Inaugurata la 38a edizione della SIBF nel piccolo Emirato faro culturale della regione. Lo slogan è: apri i libri, apri le menti.

Si è inaugurata il 30 ottobre e si concluderà il 9 novembre la 38a edizione della Sharjah International Book Fair (SIBF), il Salone del Libro ospitato dall’Emirato di Sharjah, uno dei sette emirati che formano gli Emirati Arabi Uniti. Un appuntamento speciale per l’editoria del mondo arabo e non solo perché nel 20219 Sharjah è stata nominata dall’UNESCO Capitale Mondiale del Libro. Confinante con Dubai, Emirato da sempre attento a valorizzare la cultura, Sharjah conta una ventina di musei (notevole quello dedicato alla civiltà islamica), 620 luoghi di preghiera fra moschee e chiese, festival artistici, una biennale.

Nel 2017 è stata aperta a Sharjah la Sharjah Publishing City, la prima zona franca al mondo nel settore dell’editoria. Presente all’ ultimo Salone del Libro di Torino come ospite d’onore, Sharjah vive sempre con grande fermento la SIBF, che lo scorso anno è stata visitata da oltre 2 milioni di persone. All’inaugurazione della 38a edizione della Fiera di Sharjah ha partecipato lo scrittore turco Orhan Pamuk, Premio Nobel per la Letteratura nel 2006..

Alla 38a edizione del Salone sono presenti 1874 espositori in rappresentanza di 77 Paesi. Molto soddisfatto Ahmed Al Ameri, presidente della Sharjah Book Authority,  il quale spiega che la lettura è il miglior antidoto contro il fanatismo e l’estremismo di qualsiasi tipo: politico, culturale e filosofico. Non a cavolo slogan scelto per questo anno in cui Sharjah è Capitale Mondiale del Libro è: apri i libri, apri le menti.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo