Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 23 maggio 2024
 
 

Si è aperto il "Congresso dei Ragazzi"

31/05/2012  Inizia, in occasione del Family 2012 a Milano e parallelamente agli incontri degli adulti, il Congresso dei ragazzi. 900 i partecipanti da 53 Paesi diversi.

Alle nove sono tutti in coda con i loro genitori all'ingresso dello spazio che gli ospiterà per tre giorni (dal 30 maggio al 1 giugno) durante il Family 2012. Sono i giovanissimi iscritti al Congresso dei ragazzi che quest'anno, mentre gli adulti parteciperanno al Congresso Internazionale teologico pastorale, avranno anche loro la possibilità di comprendere i contenuti dell'incontro. Oltre 500 gli iscritti sino ad ora, ma ne sono previsti 900, con un'età tra i 2 e i 17 anni.

 

Vengono accolti presso l'area giochi dove, divisi per età, cominciano le loro attività. Provenienti da 53 paesi diversi, i piccoli stranieri, spesso accompagnati da numerosi fratelli, pur non conoscendo la lingua si lanciano nel parco per giocare con gli animatori. Altri timidissimi non riescono a staccarsi dalle braccia dei genitori. Ma i momenti per entrare nel vivo dei lavori sono tanti e potranno parteciparvi quando si sentiranno pronti.



Ad accogliere i ragazzi una famiglia di Milano. «Il mondo ha bisogno di allegria e voi siete l'allegria del mondo», il saluto dei coniugi Elena e Daniele Pisani, sul palco con i tre figli. «Raccontate a tutti quello che farete qui, portate quest'esperienza nelle vostre famiglie e nelle vostre città. Il nostro augurio è per una buona festa e di amicizia. Grazie di essere qui».



L'inizio dei lavori è stato ufficializzata da don Luca Violoni, con un discorso di benvenuto, un Padre Nostro, ognuno nella sua lingua, per i terremotati dell'Emilia e con un balletto della Scuola di danza Teatro Oscar. Dopo di che, divisi per età, i giovanissimi congressisti hanno iniziato i lavori del congresso il cui fine è costruire un giardino. «Il giardino è il nostro simbolo», spiega don Luca, «perché per costruire un giardino ci vuole innanzitutto la fatica ma una volta coltivato diventa il luogo di festa e armonia».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo