Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 
Giovani e lavoro
 

Accudire serpenti? Purché sia lavoro

02/10/2014  Un rettilario di Jesolo esce con un bando d'assunzione per addetti alla cura di coccodrilli e tartarughe. Rispondono subito centinaia di giovani da ogni parte del Veneto.

Un breve annuncio sul web e in  cinquecento si offrono per un posto di addetto alla cura di coccodrilli e pitoni. E’ il numero delle domande d’assunzione che in meno di una settimana sono arrivate sul tavolo degli allibiti gestori  del “Tropicarium Park” e della mostra  sul corpo umano “Real Bodies” di Jesolo.

   Non si tratta certo di un lavoro fisso, né di un’occupazione con stipendio d’oro. Tutt’altro: le mansioni richieste vanno da quella del receptionist e custode a quella di “addetto al sostentamento e al benessere di animali esotici, come coccodrilli, serpenti e tartarughe”. In altri termini si richiede di preparare  il cibo e tenere pulito gabbie e teche degli animali. Ma la sete di lavoro è grande anche da queste parti. È l’ennesima fotografia di un Paese che trova sempre più difficoltà ad occupare le generazioni che s’affacciano sul mercato del lavoro.

Al ritmo di 90 al giorno, i curricula provengono non solo dalla provincia di Venezia, ma da tutto il Veneto e sono per lo più di giovani disoccupati, dai 20 ai 35 anni. Tant’è che i coniugi Rigoni, titolari del rettilario e della mostra, hanno deciso di elevare il numero di addetti da assumere, optando per un part-time, per venire incontro alle tantissime inaspettate richieste.  Ma la corsa alla solidarietà non s’è fermata: i dipendenti si sono dichiarati disponibili a ridurre le ore di lavoro e il testimonial della mostra, Alessandro Cecchi Paone,  ha dichiarato di rinunciare a metà del suo compenso purché i titolari assumano altri quattro giovani.

Abbiamo toccato con mano quanto diffusa sia la disperazione per il lavoro che manca”, hanno commentato amaramente i Rigoni. E ciò non accade nel profondo Sud, ma nell’ormai “ex-mitico” Nord-Est, in quel Veneto già locomotiva economica d’Italia, che fino a qualche anno fa si fregiava fra i tanti record di avere disoccupazione pari a zero. 
    E’ di poche ore fa l’aggiornamento Istat sulla disoccupazione giovanile, salita ad agosto al 44,2 per cento, cioè di un punto in più  rispetto al mese precedente e di 3,6 punti rispetto ad un anno fa.
E intanto il prossimo 7 ottobre, per un posto nella Uls 15 "Alta Padovana", si presenteranno 3.548 candidati. I pullman dal Sud sono già stati prenotati.  
    La crisi economica forse è così incrudelita da aver fatto piazza pulita anche dell'assunto che voleva i giovani italiani restii ad accettare lavori "umili" o precari.  Se  non fa più paura neanche accudire i serpenti...

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo