Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 23 maggio 2024
 
 

Si sveglia dal coma e si scopre mamma

13/04/2015  E' successo quattro giorni in America fa quando Sharista Giles, la giovane donna ventenne rimasta in coma per un incidente stradale a dicembre che era incinta di cinque mesi, ha riaperto gli occhi scoprendo che c'era un bimbo, il suo bimbo ad aspettarla.

Commuove e sa di miracolo quanto accaduto a Sharista Giles, la ventenne americana rimasta in coma a dicembre per un incidente stradale quando era incinta di cinque mesi e che quattro giorni fa ha riaperto gli occhi. Ad aspettarla, il suo piccolo che per scelta dell’ospedale, a gennaio, era stato fatto nascere con parto cesareo per paura che la mamma non sopravvivesse. 800 grammi e tanta voglia di vivere se oggi pesa quasi 3 kg e sta bene anche se ancora non è uscito dalla terapia intensiva neonatale. 

«I dottori ci avevano detto che non c'era niente da fare», racconta la zia della ragazza, Beverly Giles. «Non ci speravano più. Ma noi non abbiamo mai mollato». Ecco perché hanno scelto di non dargli un nome. Mercoledì scorso, Sharista ha improvvisamente riaperto gli occhi. Ha sbattuto le palpebre e risposto alle carezze dei familiari che le stringevano la mano. E per la prima volta ha guardato la foto di suo figlio. Il padre «le ha mostrato una foto del suo bambino e lei l'ha seguita con gli occhi», racconta la zia. «Quando si è voltato per appenderla alla parete, lei ha provato a girare la testa, cercando di rivedere quell'immagine».

Adesso c’è solo da aspettare e pregare che tornino a casa presto insieme

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo