Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 15 giugno 2024
 
italia
 

Siamo tutti protezione civile

17/01/2018  La nuova riforma prevede la "mobilitazione nazionale". Più prevenzione, più fondi a disposizione e più doveri da parte dei cittadini

Il via libera è arrivato al fotofinish. Il 29 dicembre, il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva la riforma del sistema nazionale della Protezione civile. Un cammino veloce – 9 mesi da quando il Parlamento ha delegato il Governo – per un decreto che ha raccolto il plauso di tutte le realtà del settore. Per il premier Paolo Gentiloni si tratta di una «riforma rilevante: un punto di equilibrio, nel pendolo tra gigantismo e minimalismo», in modo da dare «una base solida a un’eccellenza italiana».

A 25 anni dalla precedente, la nuova legge razionalizza il “sistema Protezione civile”, definendo compiti e ruoli dei diversi attori coinvolti. Le ultime emergenze, dai terremoti in Centro Italia all’alluvione di Livorno, sono sullo sfondo, nel senso che in quei momenti si è capito dove era necessario riorganizzare le procedure, e nel frattempo sono state sperimentate attività operative e buone abitudini che ora il Governo ha sistematizzato. «La certezza delle norme, per la delicatezza del nostro settore, è un elemento fondamentale per assicurare interventi efficaci e tempestivi», spiega il capo Dipartimento Angelo Borrelli.

Prima di tutto si afferma l’idea che la Protezione civile è un “sistema”, non un singolo corpo, a cui concorrono diversi attori: lo Stato centrale e gli enti locali (comuni, regioni), le componenti di soccorso (esercito, vigili, polizia di Stato…), le associazioni di pubblica assistenza (Misericordie, Croce Rossa e altre Croci), l’ampio mondo del volontariato e i cittadini. Realtà che tra di loro possono avere competenze concorrenti: viene ad esempio ben specificato il ruolo dei vigili del fuoco come componente fondamentale, oppure il decreto chiarisce la differenza tra la linea politica e operativa, migliorando la definizione della catena di comando in funzione delle diverse tipologie di emergenze.

Ma parlare di sistema significa anche pensare alla Protezione civile con tempi più lunghi: per la ricostruzione dopo le catastrofi, ma soprattutto in modo preventivo prima. Fino ad ora lo stato di emergenza (e i relativi fondi) poteva durare 6 mesi più 6; la nuova legge estende a 12 più 12 e snellisce le procedure per la proclamazione. È introdotta la “mobilitazione nazionale”, precedente alla “dichiarazione d’emergenza”; la terza fase prevede poi l’individuazione di ulteriori risorse per il prosieguo delle attività, solo a seguito della valutazione dell’effettivo impatto dell’evento.

Per quanto riguarda le misure economiche, il testo istituisce tre fondi: uno nazionale per le attività di previsione e prevenzione; il secondo per le emergenze (sempre nazionale) e il terzo, invece regionale, di protezione civile per gli interventi appunto di carattere regionale. Infine nella nuova legge – aggiunge il capo Dipartimento Borelli – «per la prima volta si parla di doveri, oltre che di diritti da parte dei cittadini, i quali in presenza di situazioni del rischio devono sapere come comportarsi».

 

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo