logo san paolo
sabato 27 novembre 2021
 
 

Siria, colpita una sede Caritas

23/01/2014  Una sede della Caritas ad Aleppo è stata colpita mercoledì 22 gennaio da un razzo. Nessuno è rimasto ferito, ma uno degli uffici ha subito danni. Il Centro colpito è punto di riferimento per le famiglie siriane povere in cerca di cibo, assistenza e generi di prima necessità.

Mentre in Svizzera si discute, in Siria si spara. La guerra civile continua nonostante a Montreux sia cominciata una nuova sessione di negoziati tra le parti in conflittoa. Martedì 22 gennaio  un razzo ha colpito la sede della Caritas ad Aleppo. Gli operatori sul posto hanno assicurato che fortunatamente non ci sono stati feriti ma solo danni materiali.

Il Centro finito nel mirino  è un punto di riferimento per le famiglie siriane povere in cerca di cibo, assistenza e generi di prima necessità. L’attacco è avvenuto intorno alle 16, mentre il parroco e membro della Caritas di Aleppo, padre Toni Ghazi, stava raggiungendo la sede insieme ad alcuni bambini. Il proiettile  è caduto poco davanti a lui e si è diretto verso l'arcivescovado caldeo devastando uno degli uffici Caritas: ha proseguito la sua corsa verso la sala d'attesa. Padre Toni e i bambini presenti si sono gettati a terra, ma per fortuna non c'è stata esplosione. Il responsabile dell'ufficio colpito, Mony Tayyar, e i suoi collaboratori non erano ancora arrivati in sede e per questo si sono salvati.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo