logo san paolo
sabato 08 agosto 2020
 
 

Siria, la strage e i bambini

18/07/2012  Il ministro della Difesa e il capo dell'intelligence militare, cognato di Assad, sono morti in un attentato a Damasco. Il calvario dei civili, molti minorenni. L'intervento dell'Unicef.

Un'immagine degli scontri in corso in Siria pubblicata sulla pagina Facebook del Syrian observatory for human rights. La foto di copertina è dell'agenzia Reuters,
Un'immagine degli scontri in corso in Siria pubblicata sulla pagina Facebook del Syrian observatory for human rights. La foto di copertina è dell'agenzia Reuters,

E' stato un duro colpo al regime. Il 18 luglio, a Damasco, un attentato contro il palazzo della sicurezza ha ucciso il ministro della Difesa siriano (il primo cristiano a ricoprire quest'incarico) e il capo dell'intelligence militare, cognato di Bashar al Assad. Secondo fonti dell'opposizione sono rimasti uccisi o feriti «tutti i membri della cellula di crisi che dirige le operazioni contro chi si ribella». Per la Tv di stato siriana si sarebbe trattato di un kamikaze, mentre fonti della sicurezza parlano di una bomba piazzata da un "interno". Quel che è certo è che nel palazzo nel quale è avvenuto l'attentato le misure di sicurezza sono sempre state severissime e che la zona sulla Piazza Rauda, nel quartiere di Abu Roummaneh, vicina alle ambasciate italiana e americana, è una delle più blindate della capitale siriana.

Foto Reuters.
Foto Reuters.

Nella mattinata di mercoledì 18 luglio, sono ripresi i bombardamenti governativi su alcuni quartieri di Damasco, stando a quanto riferito dall'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus). Secondo fonti dell'Osservatorio, inoltre, martedì 17 luglio almeno 29 militari governativi sono stati uccisi nei combattimenti registrati in diverse aree del Paese, insieme a 66 civili e una ventina di ribelli. Nuovi scontri, secondo l'Ondus, sono avvenuti la anche nei quartieri di Midan e Kafaksouseh nella capitale. Il calvario dei civili, insomma, non accenna a diminuire. Anzi.

«Mentre si susseguono gli scontri e la città di Damasco è sotto assedio esprimiamo grande preoccupazione per la sorte dei bambini ancora presenti sul territorio siriano, in particolare nella stessa città di Damasco e ad Homs», dichiara Andrea Iacomini, portavoce del Comitato italiano per l'Unicef. «Dai nostri uffici sul campo sappiamo che sono circa 76 mila gli sfollati in queste zone e che tra questi ben 45 mila sono bambini. Occorre proseguire a proteggere tutte le famiglie ed i bambini che, non riuscendo ad uscire in tempo dalla zona del conflitto, rischiano di rimanere "chiusi" in una spirale pericolosa di morte e povertà. L'Unicef sta distribuendo generi di primo soccorso come coperte, saponi, taniche per l'acqua, teli impermeabili per allestire ripari di emergenza nonché pentole per cucinare e posate per mangiare. Stiamo inoltre consegnando kit studiatib e preparati apposta dall'Unicef contenenti prodotti per l'igiene familiare e dei bambini distribuiti anche in collaborazione con la Mezzaluna Rossa siriana ed altri partner locali. Ricordiamo che dal 2011 ad oggi sono morti oltre 500 bambini dal 2011. Una condanna a morte inaccettabile per quasi due bambini al giorno».

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%