logo san paolo
sabato 28 maggio 2022
 
 

Smontare le armi si può

01/12/2013  Il Papa all'Angelus commenta le letture del giorno: è possibile ed è bello spezzare le spade e farne aratri, come diceva il Profeta. E poi ricorda i malati di Aids, soprattutto i bambini. Nessuno di loro deve essere escluso dall'accesso alle cure.

Lo sguardo vivace di papa Francesco spezza il grigio di questa mattinata romana. E le parole scaldano anche con il freddo. Parole di speranza, di incoraggiamento. La meta è possibile se camminiamo insieme per arrivare. Persino quelle che ci paiono lontane, come il disarmo. «Spezzeranno le loro spade e ne faranno aratri, / delle loro lance faranno falci; / una nazione non alzerà più la spada / contro un’altra nazione, non impareranno più l’arte della guerra», dice il Papa citando il Profeta. «Ma quando accadrà questo? Che bel giorno sarà, nel quale le armi saranno smontate, per essere trasformate in strumenti di lavoro! Che bel giorno sarà quello! E questo è possibile! Scommettiamo sulla speranza, sulla speranza della pace, e sarà possibile!».
Nel primo Angelus di Avvento, dopo aver incoraggiato gli studenti universitari ammonendoli anche a vivere e a non vivacchiare, il Papa infonde a tutti la speranza. «Una speranza che ci deve sorreggere in un cammino che non è mai concluso. Come nella vita di ognuno di noi c’è sempre bisogno di ripartire, di rialzarsi, di ritrovare il senso della mèta della propria esistenza, così per la grande famiglia umana è necessario rinnovare sempre l’orizzonte comune verso cui siamo incamminati. L’orizzonte della speranza! Questo è l’orizzonte per fare un buon cammino. Il tempo di Avvento, che oggi di nuovo incominciamo, ci restituisce l’orizzonte della speranza, una speranza che non delude perché è fondata sulla Parola di Dio. Una speranza che non delude, semplicemente perché il Signore non delude mai! Lui è fedele! Lui non delude! Pensiamo e sentiamo questa bellezza».
E al termine ricorda anche i malati di Hiv e di Aids, specialmente i bambini. «Preghiamo per tutti», dice, «anche per i medici e i ricercatori. Ogni malato, nessuno escluso, possa accedere alle cure di cui ha bisogno».

Tag:
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo