Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
Volontari coraggiosi
 

Sisma in Marocco, l'impegno di Soleterre per i bambini oncologici in cura a Marrakech

14/09/2023  La Onlus, che opera a Marrakech con una casa di accoglienza per pazienti oncologici in sinergia con l'ospedale pediatrico, si è attivata per rintracciare e continuare a garantire le cure ai bambini che nel terremoto hanno perso tutto

Si chiama Rita e ha solo due anni la prima bambina recuperata da uno dei tanti villaggi distrutti dal sisma che ha colpito il sud del Marocco e portata alla Casa della Speranza, la struttura di accoglienza di Fondazione Soleterre a Marrakech. Dopo un viaggio di cinque ore, insieme al personale di Soleterre e alla mamma Hayate, la piccola Rita ora potrà continuare il ciclo di cure oncologiche di cui necessita all’ospedale Mohamed VI, a Marrakech. «Il valore di avere realizzato una casa che accoglie i bambini malati di cancro e che ora diventa per alcuni di loro “la casa” è inestimabile. Bello essere qui e vedere di persona questa meraviglia, portare avanti insieme la vita verso la guarigione dei bambini», dichiara Damiano Rizzi, fondatore e presidente di Soleterre.

In Marocco, ci sono bambini che percorrono anche 500 km per raggiungere Marrakech e ricevere le cure oncologiche. L’oncologia pediatrica dell’ospedale di Marrakech è il punto di riferimento per il centro-sud del Marocco - considerando che un terzo degli abitanti del Paese abitano in quel territorio - e opera in sinergia con la casa di Fondazione Soleterre a Marrakech che accoglie bambini malati di cancro e pazienti adulti. Nel periodo ottobre -dicembre 2022 sono stati ospitati 85 ospiti (50 pazienti e 35 accompagnatori). Nei primi sei mesi del 2023 gli ospiti sono stati 491 (di cui 264 pazienti e 228 accompagnatori).

Il terribile terremoto che ha devastato il sud del Marocco nella notte di venerdì ha colpito i villaggi di tanti bambini malati oncologici le cui famiglie hanno perso tutto. «Abbiamo grandi difficoltà a reperire questi bambini a causa degli ovvi problemi di comunicazione, tra strade interrotte e linee tranciate. Con almeno il 30% di loro non riusciamo ad avere collegamenti.  La devastazione a cui stiamo assistendo è equiparabile solo ad uno scenario di guerra. Chiediamo a tutti un concreto aiuto», spiega Rizzi.

Soleterre ha aperto una raccolta fondi destinata agli aiuti per il Marocco: https://dona.soleterre.org/marocco/

 La Fondazione è impegnata da vent’anni in prima linea per difendere e promuovere il diritto alla salute di bambini, uomini e donne, garantendo loro cure mediche, accoglienza e sostegno psico-sociale. La Onlus inoltre sostiene la ricerca, promuove l’educazione e la sensibilizzazione della popolazione e forma medici e personale sanitario. Lotta contro la malnutrizione infantile e contro ogni discriminazione sociale, economica e di genere. Dal 2002 ha assistito 21.500 bambini con cure oncologiche e seguito 260mila persone con supporto psicologico, economico e con il lavoro.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo