logo san paolo
domenica 07 agosto 2022
 
I dubbi di un lettore
 

Solo i matrimoni in chiesa sono indissolubili?

13/04/2016  Una lettera arrivata in redazione ritorna sul tema dell'amore coniugale e dell'indissolubilità. Risponde il teologo.

MARCO C. L’indissolubilità del matrimonio deve essere applicata a tutti i matrimoni celebrati “in chiesa”, cioè sacramentalmente?

Troviamo la risposta nel documento della Congregazione per la dottrina della fede del 1998, nel quale si ricorda che tutti i matrimoni chiedono di essere “per sempre”, ma solo i matrimoni celebrati con fede viva in Cristo ricevono dallo Spirito l’energia necessaria per realizzare questa loro naturale ordinazione all’indissolubilità. In una parola: l’amore coniugale chiede per sua natura di essere indissolubile perché solo così genera nell’uomo e nella donna quella fiducia che permette a entrambi di fidarsi l’uno dell’altro e di affidarsi reciprocamente per tutta la vita (non avrebbe senso un «ti amerò per due anni o per tre mesi!»). L’uomo e la donna non trovano in sé stessi la forza per realizzarlo in questo modo, ma la ricevono dallo Spirito, che agisce normalmente attraverso il sacramento. Perché il matrimonio diventi un patto di vita indissolubile si richiede non solo un amore umano vero, ma anche una fede viva in Cristo il quale partecipa agli sposi il suo stesso modo di amare.

I vostri commenti
25

Stai visualizzando  dei 25 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo