logo san paolo
lunedì 15 agosto 2022
 
Domande
 

Sono santi anche i profeti prima di Cristo?

16/01/2017 

DANIELE B. Il santo al quale sono stato affidato nel giorno del Battesimo è san Daniele profeta. Ma non può essere considerato santo perché vissuto prima di Cristo. Me ne devo scegliere un altro?

“Santo” non è solo chi è dichiarato tale secondo le norme della Chiesa a partire dal X secolo, per evitare proclamazioni sull’onda dell’entusiasmo popolare senza esame critico. Santo è colui che si mette al servizio di Dio e vi resta fedele in modo eroico, fino a dare la vita, se necessario. Per questo il profeta Daniele è chiamato santo dalla stessa Scrittura (cfr. Dan 4,15). Nel cantico di Zaccaria sono chiamati santi tutti i profeti che hanno annunciato coraggiosamente la parola di Dio e preparato la venuta del Messia (cfr. Lc 1,70). San Paolo chiama santi tutti i battezzati, perché resi partecipi della santità di Cristo e chiamati a rivelarla al mondo con la loro vita (cfr. 1Cor 1,2). Coloro che danno in modo eroico questa testimonianza sono dichiarati (cioè canonizzati) solennemente santi perché siano di esempio a tutti i battezzati. Gli angeli sono chiamati santi perché fedeli messaggeri di Dio. Qualunque sia il nostro nome possiamo sempre affidarci all’intercessione di qualsiasi santo.

I vostri commenti
16

Stai visualizzando  dei 16 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo