logo san paolo
venerdì 28 gennaio 2022
 
 

I sopravvissuti delle baraccopoli

09/06/2012  A Milano la mostra multimediale "Urban survivors", promossa da Medici senza frontiere e l'agenzia fotografica Noor, racconta l'inferno delle bidonville di cinque città del mondo.

Dark City, la Città buia: così viene chiamato uno dei grandi bassifondi di Johannesburg, la capitale economica del Sudafrica. Un quartiere popolato dai migranti dei Paesi africani vicini, come lo Zimbabwe, in condizione di emarginazione e di estremo degrado sociale.  Nell'inferno di Dark city, gli abitanti sopravvivono stipati in condizioni igienico-sanitarie terribili: il 38% della popolazione condivide un rubinetto d'acqua con altre 200 persone. Qui Medici senza frontiere opera con due cliniche mobili, che offrono visite mediche, consulenza sanitaria, test per l'Hiv.

Martissant è uno dei quartieri più popolosi e degradati della capitale haitiana Port-au-Prince. Negli ultimi vent'anni questo slum è uscito da ogni forma di controllo, a causa del sovraffollamento, della criminalità diffusa e della violenza. A peggiorare la situazione, è intervenuto il terremoto del 2010. A Martissant Medici senza frontiere è impegnata con un centro di pronto soccorso, dove vengono accolte e curate le vittime della violenza, anche sessuale.

Pep Bonet, originario di Maiorca, fotoreporter dell'agenzia fotografica Noor, ha raccontato con le sue immagini la lotta per la sopravvivenza dei migranti di Dark City insieme agli operatori di Medici senza frontiere che lo hanno guidato alla scoperta dello slum. E l'americano Jon Lowestein, anche lui fotografo di Noor, ha ritratto la violenza di Martissant e la sfida quotidiana che Msf affronta per soccorrere le vittime degli abusi, dare loro un sostegno psicologico, oltre che sanitario, per elaborare il terribile trauma subìto. I loro lavori fotografici fanno parte della mostra multimediale "Urban survivors. Sopravvivere nelle baraccopoli", promossa dall'organizzazione medico-umanitaria insieme all'agenzia Noor.

Cinque fotografi di fama internazionale ritraggono con i loro scatti le realtà delle bidonville di cinque grandi città del mondo dove Msf è impegnata con i suoi progetti medico-sanitari: oltre a Bonet e Lowenstein, Francesco Zizola ha viaggiato nel quartiere di Kibera a Nairobi (Kenya), Alixandra Fazzina racconta la baraccopoli di Karachi (Pakistan), Stanley Greene documenta la quotidianità delle periferie di Dacca (Bangladesh).

Fino al 24 giugno "Urban survivors" è allestita allo Spazio Oberdan di Milano, per poi proseguire il suo tour in altre città. In contemporanea la mostra, in quanto progetto internazionale, è presente anche in altri Paesi. E' disponibile anche in Rete sul sito www.urbansurvivors.org/it/#/home. Informazioni: www.medicisenzafrontiere.it.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo