Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
 

Sorpresa, l’Imu ama le famiglie

08/03/2012  Nella grande maggioranza dei Comuni la prima casa, per chi ha figli a carico, costerà meno dell’Ici. Solo otto Comuni capoluogo pagheranno più rispetto a prima.

L’Imu sulla prima casa sarà più leggera dell’Ici, almeno per quasi tutte le famiglie con figli a carico. L’Imu, invece, peserà mediamente di più sulle tasche dei proprietari di prima casa residenti a Roma (397 euro), a Bologna (345) e a Bari (297). A questo risultato è giunta la CGIA di Mestre che ha fatto un confronto tra quanto si pagava di Ici qualche anno fa (tenendo conto delle aliquote e delle detrazioni applicate allora) e quanto si pagherà quest’anno con l’introduzione dell’Imu, ipotizzando che tutti i Sindaci dei Comuni capoluogo analizzati in questa simulazione applicheranno l’aliquota ordinaria del 4 per mille. Inoltre, nell’applicazione della nuova imposta, si è considerata la detrazione di 200 euro prevista dalla legge per ciascuna abitazione principale e gli ulteriori 50 euro che saranno riconosciuti per ogni figlio a carico (under 26), sino ad un massimo di 8.


Per le abitazioni di proprietari senza figli a carico, i vantaggi saranno di tutto rispetto (vedi tab. 1) soprattutto per gli immobili ubicati a Savona (-134 euro), a Taranto (-133 euro), e a Varese (-101 euro). Solo 33 Comuni capoluogo su 101 (pari al 33% circa del totale) subiranno degli aumenti rispetto a quanto pagavano con l’Ici. Gli incrementi più significativi interesseranno Bari (+70 euro), Roma (+71 ), Lecce (+72) e Venezia (+78 ).

Per le prime case di proprietari con un figlio a carico (vedi Tab. 2) la situazione  migliora ulteriormente. Solo 8 Comuni capoluogo si troveranno a pagare di più rispetto a quanto pagavano prima, mentre con ulteriori figli a carico in tutte le città l’Imu sarà più leggera dell’Ici. «In linea generale», fanno notare dalla CGIA, «quando la rendita catastale di un’abitazione principale supera i 620 euro, l’Imu diventa più “pesante” rispetto all’Ici. Inoltre, per alcuni Comuni, l’Imu con aliquota al 4 per mille dà un valore di imposta pari a zero. Ciò è dovuto al fatto che le detrazioni applicate azzerano l’imposta».

Tag:
imu
I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo