logo san paolo
domenica 01 agosto 2021
 
Venezia
 

Sospesa la "moschea" della discordia

21/05/2015  Scaduto l'ultimatum del Comune, non si placano le polemiche sul padiglione-moschea della Biennale. La provocatoria istallazione, opera dell'artista svizzero Christoph Buchel, realizzata in una chiesa chiusa al culto, ma mai sconsacrata, precisa la Curia, è diventata luogo di preghiera per i musulmani. La comunità islamica di Venezia prende le distanze. Il Patriarcato: affrontiamo pure la questione di una moschea in Venezia, ma nelle sedi opportune e coinvolgendo tutti.

La chiesa di Santa Maria della misericordia a Venezia
La chiesa di Santa Maria della misericordia a Venezia

Ma quella moschea è un’opera d’arte o un luogo di culto? O entrambe le cose?  Metti insieme l’abile provocazione di un artista anticonformista e antisistema, come Christoph Büchel,  e un palcoscenico come quello di Venezia che trasforma ogni fiato di voce in boato squassante, aggiungi un tema “caldo” come l’assenza di una moschea in un contesto cittadino dove  vive una nutrita comunità musulmana, e il caso scoppia, inevitabilmente. Come sperava tanto Büchel, l’artista svizzero che ha allestito per il padiglione islandese della Biennale, una moschea all’interno della vecchia chiesa veneziana di Santa Maria della Misericordia, chiusa al culto.  

interno della chiesa della Misericordia trasformata in moschea
interno della chiesa della Misericordia trasformata in moschea

Ma ricostruiamo la vicenda. Tutto nasce dalla installazione “the Mosque”, ideata dall’artista transalpino: una moschea  perfettamente allestita in Venezia, con tanto di Mihrab rivolto verso la Mecca, tappeto e versetti coranici alle pareti, allo scopo di destare l’attenzione  della città e del mondo sul fatto che il centro lagunare, ponte millenario tra Oriente e Occidente, frequentato e abitato da molti musulmani, non abbia un solo edificio aperto al culto islamico.

   I curatori decidono d’affittare per i sette mesi della Biennale Santa Maria della Misericordia, una chiesetta  nel Centro Storico, chiusa al culto dal 1969 e che la congregazione dei Servi di Maria nel 1973  aveva venduto a privati. Ma, precisa la Curia veneziana, sebbene chiusa al culto, mai formalmente sconsacrata. 

     Una scelta del genere (una chiesa, ancora non sconsacrata, da trasformare in moschea)  non poteva, ovviamente, che generare polemiche e proteste.  Tant’è che la Curia nel febbraio scorso aveva evitato di concedere altri edifici di culto richiesti per la stessa installazione artistica.  Ai primi di maggio, infatti,  immediatamente dopo l’apertura del singolare padiglione,  i fedeli musulmani hanno iniziato a frequentare l’ex-chiesa per la preghiera, utilizzando il luogo  come una moschea in tutto e per tutto.  A questo punto si pone la questione:  si tratta ancora di una installazione artistica o  è un  vero e proprio luogo di culto?

la chiesa della misericordia (a destra)
la chiesa della misericordia (a destra)

Intanto  è scaduto l’ultimatum del Comune: entro il 20 maggio i curatori  del padiglione islandese dovevano dimostrare, documenti alla mano, la riduzione  a uso profano dell’edificio. Quanto ha concesso finora il Comune  prevede solo l’uso della chiesa come spazio espositivo, quindi con l’obbligo di apertura al pubblico senza  la minima possibilità  di imporre norme  liturgiche sull’abbigliamento o altri obblighi rituali. Sarà quindi sospesa l'attività del padiglione,  anche se non in via definitiva.

    La stessa Comunità islamica di Venezia, che ha la propria aula di culto a Marghera, pur non potendo impedire ai fedeli di pregare al suo interno, ed elogiando l’iniziativa islandese,  ha precisato in un comunicato che non considera  l’istallazione una vera moschea e chiede agli aderenti di evitare pratiche religiose nel padiglione, per “ evitare fraintendimenti e strumentalizzazioni, che invece di favorire il dialogo interreligioso, lo inquinano”.

    “Perché in una chiesa? Non mancano a Venezia spazi architettonici in disuso che non avrebbero suscitato la suscettibilità di alcuni e avrebbero aperto ad un maggiore desiderio  di integrazione”, osserva la chiesa veneziana intervenendo con una nota del delegato patriarcale per i beni culturali ecclesiastici, don Gianmatteo Caputo, che evidenzia subito il rischio di commistione di due piani ben diversi: la richiesta di uno spazio per esporre un’opera d’arte e la richiesta, ben diversa, di aprire una moschea a Venezia. “La realizzazione finale – spiega il delegato -  appare come una grande forzatura ed una sostanziale strumentalizzazione di tutti i soggetti coinvolti, compresa in primo luogo la comunità musulmana”. E conclude: “La richiesta di una moschea  in città è questione importante che va affrontata  con metodi e modi ben diversi  e più fondati. Nel rispetto autentico di tutti”.

    In sintesi dice la Chiesa veneziana: l’operazione è una forzatura. Rilanciamo, invece, la richiesta di uno spazio per la preghiera nelle sedi giuste e coinvolgendo  tutti i soggetti in città che hanno voce in capitolo sulla questione.

        Una cosa è certa: non spetta certo alla Biennale d’arte inaugurare una moschea. Né ce n’è mai stata l’intenzione. La provocazione artistica ha già sortito il suo effetto, eccome, sfruttando ancora una volta l’immagine della città, la sua fama ma anche la sua debolezza.
      Una volta fatta chiarezza e sopite le polemiche, sarebbe auspicabile che nelle sedi opportune si pensasse seriamente all’opportunità di aprire una moschea in una città da sempre aperta al mondo e alle sue fedi. Ma certo non dentro un recuperato, provvisorio padiglione della Biennale.

I vostri commenti
7
scrivi

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%