Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
dopo l'isolamento
 

Negli "Spazi Futuro" un'estate di arte, musica, gioco, letture e socialità

15/06/2020  Save the children dà il via in tutta Italia cinquanta centri attrezzati, anche all'aperto, per accogliere bambini e ragazzi dai 3 ai 17 anni che vivono in quartieri difficili delle nostre città, a forte rischio di povertà educativa oltre che materiale. L'iniziativa è promossa nell'ambito del programma "Riscriviamo il futuro".

(Foto Ansa: bambini che tornano a divertirsi nell'area giochi di un parco a Brescia dopo il lungo isolamento)

Nel periodo del lockdown, per la maggior parte dei bambini e degli adolescenti il mondo virtuale è diventato la loro “casa”. A causa dell’isolamento, a parte le attività scolastiche a distanza, i ragazzini hanno vissuto la loro socialità online. Secondo i dati di Save the children, più della metà dei bambini e ragazzi fra gli 8 ei 17 anni per divertirsi trascorreva il proprio tempo su Internet (51,2%), più di 1 su 3 (36,7%) sui social media.  Ora, con la fine delle restrizioni e la ripartenza di tutte le attività, è giuntoi il momento di permettere ai ragazzini di recuperare il tempo perduto, riappropriandosi dei naturali spazi di gioco, delle attività ricreative, degli spazi di socialità e di relazione. 

Save the children apre così in tutta Italia cinquanta “Spazi Futuro” del programma “Riscriviamo il futuro”, per garantire ai bambini e agli adolescenti un’estate ricca di proposte e iniziative nei quartieri più marginalizzati e svantaggiati delle città, da Roma a Catania, da Brindisi a Casal di Principe, da Torino a Sassari, per contrastare il fenomeno diffuso della povertà educativa.  

Gli “Spazi Futuro” sono centri attrezzati, anche all’aperto dove, nel rispetto dei protocolli sanitari e del distanziamento, bambini e ragazzi dai 3 ai 17 anni possono prendere parte gratuitamente a svolgere numerose attività educative, laboratori artistici e ricreativi, attività motorie, iniziative di promozione della lettura e accompagnamento allo studio, affinché la loro estate sia davvero un tempo di opportunità di crescita nel divertimento, nel confronto, nella relazione con gli altri.

“Riscriviamo il futuro” è un programma di risposta all’emergenza Covid-19: in un anno la Ong si propone di raggiungere 100 mila bambini e adolescenti nei quartieri privi di servizi e opportunità. Il progetto prevede azioni per combattere insieme la povertà educativa e quella materiale. L’isolamento vissuto nei mesi del lockdown rischiano di approfondire gravemente i divario sociale, economico, culturale ed educativo per i bambini che vivono in quartieri difficili e famigie vulnerabili. «Già prima dell’emergenza sanitaria, a causa della povertà moltissimi bambini, bambine e adolescenti erano privati della possibilità di sviluppare capacità e talenti, vivendo in quartieri senza offerte educative, culturali e sportive alla loro portata», osserva Raffaela Milano, direttrice dei programmi Italia-Europa di Save the children. «Con la crisi sanitaria la situazione si è ulteriormente aggravata e le diseguaglianze educative si sono amplificate. Se non si interviene subito, gli effetti sul presente e sul futuro dei bambini possono essere disastrosi».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo