logo san paolo
sabato 04 dicembre 2021
 
Personaggi
 

Speranza Scappucci, la prima italiana sul podio di Vienna

12/08/2016  Intervista a Speranza Scappucci, la direttrice d'orchestra romana che dirigerà "Cenerentola" di Rossini per l'Opera viennese: è la prima a ricevere il prestigioso incarico.

Speranza Scappucci, romana, dopo il diploma al Conservatorio ha studiato a New York
Speranza Scappucci, romana, dopo il diploma al Conservatorio ha studiato a New York

Speranza Scappucci è la prima direttrice d'orchestra italiana chiamata a dirigere l'Opera di Vienna. Il 3 novembre salirà sul prestigioso podio per dirigere la Cenerentola di Rossini.

Ecco l'intervista che le abbiamo fatto ad agosto in occasione del Rossini Opera Festival.  

Sono giorni in cui Speranza Scappucci alterna lunghe sessioni di prove in teatro con ristoratrici pedalate sul lungomare di Pesaro. Per la direttrice d'orchestra romana si avvicina il debutto sul podio del Rossini Opera Festival, previsto il 9 agosto al Teatro Rossini. In programma “Il Turco in Italia”, con un cast in cui spiccano Erwin Schrott, Olga Peretyatko e Nicola Alaimo. La regia di Davide Livermore e i costumi di Gianluca Falaschi promettono un Rossini di ambientazione felliniana.

“Sono felicissima e onorata di essere stata invitata qui, in quello che forse è il festival musicale più importante che si svolge in Italia. Per me dirigere Rossini a Pesaro è una tappa importantissima, simbolica”, dice Speranza Scappucci.

Speranza, qual è il suo rapporto con “Il Turco in Italia”?
“E' un titolo che io amo molto, anche perché l'ho diretto nel 2014 al mio debutto sul podio alla Julliard School di New York, la scuola dove ho studiato. Si tratta di un'opera stupenda, molto rivalutata in questi ultimi anni, che dal punto di vista musicale io considero allo stesso livello del “Barbiere di Siviglia” e “Cenerentola”. Ci sono delle pagine bellissime, alcune struggenti, altri molto brillanti, alcune molto mozartiane. Il duetto del primo atto tra Fiorilla e Don Geronio è un capolavoro assoluto. Loro litigano e cercano di fare pace, accompagnati da una musica sublime. Sembra davvero di sentire un'aria di Bellini”.

Come sarà la sua direzione?
“Come tutto il Rossini che ho fatto finora , cercherò molto la trasparenza e la leggerezza del suono. Inoltre, durante i recitativi, suonerò io stessa il forte-piano per dare unità a tutta la visione musicale dell'opera”.

Come procede il lavoro con il regista Livermore?
“Bene, ho la fortuna di lavorare con un cast strepitoso di grandi artisti, alcuni dei quali sono esperti rossiniani ed è bellissimo poter fare Rossini insieme a loro. Con Davide abbiamo lavorato moltissimo, è un regista molto coerente con la sua idea e anche molto convincente, davvero un vulcano di idee. Io sono stata presente fin dal primo giorno a tutte le prove di regia, la nostra è una vera collaborazione e sono certa che ne uscirà uno spettacolo bellissimo”.

Come sta vivendo questo momento della sua carriera?
“Dopo l'esordio quattro anni fa, arrivato dopo una lunga carriera di maestro collaboratore, ci sono stati debutti importanti e ce ne saranno altri nei prossimi mesi. Quindi mi sento in ascesa, ma al tempo stesso avverto anche più pressione e il desiderio di mostrare le mie capacità. Però sempre con grande umiltà rispetto ai luoghi e alle orchestre che incontro”.

Dopo Pesaro quali saranno gli altri debutti importanti dei prossimi mesi?
" A novembre dirigerò alla Staatsoper di Vienna tre recite della “Cenerentola” e “La Traviata”, opera che ho già diretto allo Sferisterio di Macerata. A gennaio del 2017 dirigerò il “Così fan tutte” all'Opera di Roma e vivrò una emozione incredibile per il debutto sul podio nella mia città, nel teatro dove ho lavorato come pianista e in cui, da bambina, vidi la mia prima opera, la “Sonnanbula”.

Questa sua bella carriera l'ha fatta diventare un punto di riferimento per altre donne che vogliono dirigere orchestre?
“Sì, sono stata contattata da alcune giovani aspiranti direttrici di orchestra in cerca di consigli e questo credo che sia molto bello. In realtà, al debutto non volevo che la gente si concentrasse solo sul fatto che io sono una donna. Infatti come musicista vuoi essere giudicato soltanto per quello che tu fai. Poi però mi sono resa conto che è una cosa molto bella poter essere di modello per altre ragazze”.

Si è fatta chiarezza sul termine più corretto per definirla? Direttore o direttrice?
“Per me non fa davvero differenza. Mi piacciono sia direttrice che direttore. L'importante è che non mi chiamino direttora, perché la trovo una parola proprio brutta”.

 “Il Turco in Italia” debutta al ROF (Rossini Opera Festival) il 9 agosto, con repliche il 12, 15 e 18, sempre al Teatro Rossini alle ore 20. Gli altri titoli principali del ROF sono “La donna del lago” (8,11, 14 e 17 agosto alla Adriatic Arena, sul podio Michele Mariotti, regia di Damiano Michieletto, in scena Juan Diego Florez) e “Ciro in Babilonia” (10,13,16 e 20 agosto al Teatro Rossini, con Jader Bignamini sul podio, la regia di Davide Livermore e i costumi di Gianluca Falaschi).

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo