Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 
Ricerca di senso
 

«Spese pazze, panettoni e influencer: ma come racconto il Natale cristiano ai miei nipoti?»

04/01/2024  «Da fine novembre, panettoni e torroni sono già sugli scaffali dei supermercati, gli influencer preparano alberi di Natale e decorazioni sui loro profili. Ma io sento un certo disagio: non so come attirare l’attenzione dei nipoti adolescenti sul vero senso del Natale cristiano.» Leggi la risposta di Fabrizio Fantoni

Caro dottore, sono zia di quattro nipoti: tre adolescenti, tra i 15 e i 18 anni, e una piccola di 7, che da un pezzo mi hanno segnalato le richieste di regali per Natale.

D’altra parte, le luminarie invadono le città da fine novembre, panettoni e torroni sono già sugli scaffali dei supermercati, gli influencer preparano da tempo alberi di Natale e decorazioni sui loro profili. Anche se se ne parla così a lungo, io sento un certo disagio: non so come attirare l’attenzione di questi nipoti adolescenti sul vero senso del Natale cristiano.

LUISA

 

Leggi la risposta di Fabrizio Fantoni

– Cara Luisa, il tempo di Natale sembra dilatarsi ben oltre il tradizionale Avvento, con quei segnali che ci indichi. Sulla scia di questi annunci, da tempo molti ragazzi organizzano l’ultimo dell’anno; calcolano i regali che riceveranno; pregustano le vacanze scolastiche. Se anni fa si parlava del Natale consumistico, oggi si potrebbe sottolineare, in questa espansione del tempo natalizio, il bisogno di divertirsi e di scordare per alcuni giorni i drammi nazionali e internazionali che costellano le nostre giornate. Un Natale per anestetizzarsi. Una tregua prima di rituffarsi nelle tragedie del presente, che opprimono noi e i ragazzi.

Loro non lo dicono apertamente, ma la loro speranza nel futuro si sta affi evolendo. Meglio allora godere al massimo il presente. Per questo, però, diventa ancora più necessario trovare le parole per raccontare un Dio che nasce ancora oggi, aprendosi alla vita. Anche i tempi di Gesù non erano facili, eppure egli ha deciso di nascere in quel contesto, per portare un lieto annuncio, contro ogni speranza, in una terra oggi come allora preda di confl itti e violenze.

Forse questi parallelismi ci aiuteranno quest’anno a rendere più vicina alle nostre vite la stalla di Betlemme. Per aprire i cuori all’incontro con l’altro, all’accoglienza di chi è in difficoltà, alla gioia condivisa.

 

 

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo