Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 26 maggio 2024
 
Altre follie italiane
 

Spiacenti, il corpo non ha prezzo

11/04/2014  La Lombardia vuol promuovere un referendum per riaprire le case chiuse. E si ingrossa il fronte di chi dice: legalizzare la prostituzione è l’unico modo per battere la tratta di essere umani. Ma è un argomento ipocrita. Perché la verità è...

Si discute di legge Merlin, della sua abolizione, delle maggiore o minore tutela sulla salute delle donne a seconda che si prostituiscano in strada o in nuove forme di case chiuse, e ancora si discute di ordine pubblico (“E' incivile vedere per strada clienti e battone”). Una cinquantina di Comuni hanno addirittura chiesto l’abolizione della famosa legge. E la Regione Lombardia si prepara a varare un referendum sul tema.

Non si discute, pare, dell’unica vera questione. Sembra dimenticata. Eppure, ricordo che quand’ero ragazzo, a scuola come in famiglia, uno solo era il punto: che si parli di uomini tanto quanto di donne non si vende il proprio corpo, non si vende il fare sesso. L’amore e la sessualità – ci dicevamo – è troppo importante per essere mercificato. Al corpo e alla corporeità non si può dare un prezzo.

Questo era il principio. Che veniva prima anche della morale (a prescindere che si parlasse da cristiani o da laici): la sessualità non la si paga, non è una “cosa” da mettere sul mercato. Ripeto: donna o uomo, il discorso non cambia, perché la pari dignità, l’altissima idea della ricchezza di cui è portatore ogni donna e ogni uomo rende impensabile che si possa vendere “un tanto all’ora” una delle sue espressioni più belle, cioè la sessualità.

Di corollario, fra noi giovani ci dicevamo anche un’altra cosa: che era squallido pagare per il sesso. Lo sentivamo come un qualcosa che sarebbe stato umiliante e degradante.

Di tutto questo, oggi, non si parla. Piuttosto si millantano argomenti di pseudo-libertà secondo i quali chi si vende sarebbe più garantito, più sicuro e magari più libero se lo può fare come una volta, nelle case chiuse. Non è così. La vera libertà è non essere sottoposti a condizionamenti economico-sociali (come la povertà, o il provenire da un Paese del Sud del mondo) o culturali (è meno “povera” la ragazzina che si vende per avere soldi da spendere per l’ultimo i-phone o il vestito firmato?). In altre parole, la vera libertà è vivere la propria sessualità come espressione di amore e di desiderio. Cioè non vendersi affatto.

Perché non torniamo a discutere su questi argomenti? Sono un po’ più seri ed elevati.

I vostri commenti
20

Stai visualizzando  dei 20 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo