logo san paolo
mercoledì 27 gennaio 2021
 
 

La fredda estate dello sport italiano

14/06/2011  Valentino Rossi fuori causa, la Ferrari rimandata al 2012, il calcio un'altra volta nello scandalo. Basterà il Tour a riscaldare i tifosi?

Fernando Alonso, pilota Ferrari, con Valentino Rossi.
Fernando Alonso, pilota Ferrari, con Valentino Rossi.

Siamo davanti, noi dello sport, a un’estate fredda, e non parliamo di meteorologia. Un’estate vuota, algida, senza promesse e premesse di calori, di febbri, e pazienza se sono le febbri del tifo, quelle che fanno male al cervello e al cuore e possono far male anche alle ossa senza peraltro far crescere di statura (come accade con i bambini: i tifosi spesso lo sono, ma non di anagrafe).

     Perché rispetto al rituale, alla norma, alla regola, all’abitudine - sovente è questione di sfumature fra una situazione e l’altra -, questa che arriva è la nostra fredda estate senza la Ferrari, senza Valentino Rossi, senza la fiducia nel calcio. Le prime due situazioni sono chiare, tristemente univoche: le classifiche mondiali della Formula 1 e del motociclismo GP parlano chiaro e duro e brutto nei riguardi della scuderia e del centauro. Per costui, trentaduenne, qualcuno dice già di occaso, non tanto anagrafico quanto fisico nel senso di traumatico (la spalla che non guarisce mai del tutto, ed è già un successo quando non ci vogliono i soliti forti calmanti del dolore). Per la Ferrari si rimanda ormai ogni speranza grossa, peraltro in linea con la grande tradizione e il sempre forte impegno, alla prossima stagione. 

   

Beppe Signori, coinvolto nello scandalo del calcio-scommesse.
Beppe Signori, coinvolto nello scandalo del calcio-scommesse.

     I sospetti sulla serie A

     Quanto al calcio, il sospetto che la serie A sia anch’essa inquinata è forte, pur se viene più facile pensare (sollievo molto ma molto relativo) che sia meno pericoloso puntare, magari in Asia, su un manipolato incontro italiano di Lega Pro, con pochi occhi addosso, che su un comunque seguitissimo incontro italiano di serie A: in fondo conta la quantità della posta, non la qualità del - diciamo – pronostico. Diciamo magari che c’è uno scandalo nuovo, figlio della globalizzazione e della supercomunicazione, che lega lo scommettitore in quel di Hong Kong al complice ed al match di Roccacannuccia, e c’è il vecchio scandalo di chi, magari già ricco, non resiste alla tentazione di arricchirsi ulteriormente e illegalmente.

     La cosa chiara che emerge comunque dall’oscurità più sporca o dalla sporcizia più buia è che in tanti sapevano e nessuno parlava. A tutti i livelli, dalle stanze della  federazione a quelle dello spogliatoio.  A fine agosto si riaccende comunque il calorifero del campionato, e le caldaie rifornite dal calciomercato sono già piene e quasi bollenti. In ogni caso ci saranno flessioni di interesse e di biglietti d’ingresso e di abbonamenti  e magari anche di denaro investito sul calcio o al calcio teleofferto, e ci saranno polemiche . Poi il nocciolo duro e purtroppo grosso della tifoseria cieca riprenderà il suo posto, il suo ruolo psicologico (di sfogatoio della violenza cosmica con altra violenza però spicciola), il suo dominio diciamo classico. L’estate si annuncia fredda ma il sole dell’entusiasmo (o dell’ingenuità, o dell’idiozia) la vincerà.   

Contador, vincitore del Giro e favorito al Tour.
Contador, vincitore del Giro e favorito al Tour.



     Difficile invece riaccendere il caminetto-Rossi. I suoi eredi nostrani, Simoncelli e Dovizioso, sono bravi ma non hanno le stimmate del fuoriclasse e intanto del simpaticone. Dovrebbe invece persistere la voglia di Valentino di tornare e alla grande: per ragioni contrattuali con la Ducati, moto italiana a un italiano, e per il suo carattere persino più forte che balzano, e per la sua voglia di successo che prescinde dalla ricchezza già acquisita. 

     Quanto alla Ferrari, è già tutto rinviato al 2012, con ipotesi di qualche fiammata in qualche gran premio di quest’anno. Alonso confermato sino al 2016 è la prova, per fortuna, di un programma, non la testardaggine di un tentativo, l’insistenza su una scelta. 

     Senza Olimpiadi, senza grande calcio a livello di campionato europeo o addirittura mondiale, e consumate a primavera le voglie e soprattutto le speranze tennistiche, le attenzioni al basket ed al volley, l’estate del 2011 potrebbe chiamarci ad un esercizio di civiltà sportiva, ad un’attenzione verso altri sport, visto che nuoto e atletica mandano avanti le loro grandi celebrazioni. Ma ne siamo ancora capaci? Il test è persino più preoccupante che suggestivo. 

     Una volta si poteva puntare al Tour de France per la soluzione di un’estate nostra tifoidea e però magra. Finito il bel gioco con Pantani nel 1998, ci sono speranze di riprenderlo con Basso e Cunego in questo 2011? Purtroppo dobbiamo subito dire che, se anche uno dei due facesse il miracolo, ci sarebbe il rischio per noi, noi italioti dello sport, di trovarci privi degli strumenti per valutare, capire, godere. Alla fine del Tour ci sarà già il calcio amichevole o “preliminare”di luglio a bussare alle porte del nostro interesse malato. E temiamo che un successo di Basso o Cunego sulle Alpi, anche su quelle italiane dove il Tour passerà (c’è persino una tappa con arrivo a Pinerolo), possa essere posposto, nei titoli dei quotidiani sportivi, a un clamoroso scambio fra due club di due pedatori ostrogoti.

       Al Tour fra l’altro va Contador vincitore del Giro: non sa ancora se ha vinto l’edizione del 2010, si appresta a dominare quella del 2011. Coraggioso, sfrontato, imprudente, sicuro di sé, onesto, spudorato? Avrà addosso tutto il più efficiente mondo del’antidoping. Sarà in molti modi nella scia di Armstrong. Da seguire, comunque. Un’impresa sua è già stata quella di annunciarsi al via.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 78,00 € 57,80 - 26%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 33,60 € 33,50
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 53,90 - 14%