Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 
 

Springsteen: "C'è un cattolico in me"

22/05/2013  Il rock, Obama, le radici italiane, il pubblico di Napoli. E quel sentimento religioso che... Bruce Springsteen a cuore aperto alla vigilia del suo primo concerto in Italia.

Bruce Springsteen a Napoli. Il Boss e Napoli. Legame antico, al di là di splendidi concerti, infuocate tappe di tour, autentici bagni di folla. Il prossimo, giovedì 23, in piazza Plebiscito. A rinsaldare un legame e riannodare i fili di un discorso. Altro giro, altra tappa, stavolta del Wrecking ball tour. Di nuovo a Napoli, ad anni di distanza. Ancora a Napoli, terra di avi.

- Il Boss e Napoli: pensieri e sensazioni?

"Qui ci sono un po’ delle mie radici. Mi sento un po’ sorrentino: a Vico Equense è nato mio nonno, lì ho ancora dei parenti, forse addirittura una casa".

- Mai pensato di andare alla riscoperta delle sue radici in zona?

"Mi sarebbe piaciuto e ancora mi piacerebbe ricercare le radici della famiglia di mia madre, che peraltro è rimasta l’ultima della sua famiglia, visto che le sue due sorelle non ci sono più. Ma poi, si sa, quando si è in tour è difficile programmare appuntamenti differenti che non riguardino concerti, prove, eccetera".

- Cosa pensa quando arriva a Napoli?

"Innanzitutto, che è un posto meraviglioso. E poi la gente, che è stupenda. Ricordo quando ci sono stato per il tour di The ghost of Tom Joad, quando avremmo voluto suonare al San Carlo ma non potemmo: i fan furono fantastici, come in pochi altri posti al mondo".

- Alla sua età, come fa a trovare l’energia per concerti lunghi e tirati?

"E’ il mio mestiere, quello che amo. I concerti e il contatto col pubblico danno a un rocker l’adrenalina necessaria per andare avanti per ore. Poi, certo, faccio in modo di mantenermi in forma, ma l’energia viene fuori spontanea".

- I concerti, il suo naturale habitat: e poi?

"Suonare dal vivo è il massimo, poi c’è l’altro aspetto fondamentale per un artista, che è la scrittura. Di qualunque argomento scriva, che sia la politica, la religione o altro, cerco di sentirmi sempre come se fossi a casa, impegnato nella mia vita privata".
 
- A proposito di politica, un giudizio su Obama?

"Sono stato un suo sostenitore, fin dall’inizio. Con lui alla guida abbiamo fatto importanti passi in avanti: penso a quel che è stato fatto in Iraq e Afghanistan, ma pure a riforme riguardanti la sanità o la finanza".

- Errori?

"Penso a Guantanamo, una ferita che rimane aperta".

- Il suo rapporto con la religione?

"A volte mi sento come un cattolico in fuga, ma…".

- Ma?

"Se sei cattolico lo resti per sempre. E non potrebbe essere altrimenti, se fin da bambino sei abituato ad ascoltare preghiere. E poi, nei miei brani, c’è tanta Bibbia, tanto Vecchio Testamento".

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo