Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 26 maggio 2024
 
 

Stadi chiusi, bene le regole ma distinguiamo tra razzismo e goliardia

08/10/2013  L'Italia recepisce le direttive Uefa e le sanzioni si fanno dure per chi offende a sfondo razziale e discriminatorio. E' un bene, ma serve distinguere tra razzismo e goliardia. Se tutto è razzismo niente è razzismo e si consegnano gli stadi al ricatto delle curve. Le norme vanno rispettate, ma la Federazione faccia chiarezza.

Il ricordo vola a una domenica pomeriggio ai distinti dello stadio Zini di Cremona, quando in campo c’erano i riccioli di Alviero Chiorri, per tutti il magico. Metà anni Ottanta del secolo scorso, quando Luzzara era presidente e lo slogan più gridato era «Si va, si va in Serie A». Poi certo, c’era anche quello che dai distinti urlava, in dialetto: «Arbitro! Te set negher perché t’è mort el gatt”, dove negher era un riferimento all’uniforme arbitrale all’epoca nera per tutti e l’unica parola esistente in dialetto cremonese per dire “nero”, nella più neutra delle accezioni: quella cromatica.

Quel giorno la partita doveva ancora cominciare, la Cremonese ospitava il Piacenza, rivale nella corsa alla Serie A, e la curva casalinga sembrava insolitamente tranquilla per un derby del Po sulla sponda cremonese, dove piacentini fa , dalla notte dei tempi, rima con «ladri e assassini» e dove il campanile del Torrazzo è appuntito come uno spillone. Aspettarono distrattamente che i piacentini si sistemassero in curva Nord e poi, quando la videro piena, coprirono la curva Sud con uno striscione sesquipedale: «Benvenuti in Italia». Bossi e i suoi non erano neanche nella mente del Signore e quello striscione fu salutato come meritava, con sfottò da caserma dall’altra parte. Nessuno s’indignò, perché faceva ridere tutti, anche i piacentini: era un’esplosione di goliardia.

Vien da chiedersi se oggi, nel tempo dei nervi tesi e delle sensibilità scoperte, quello striscione politicamente scorrettissimo ma ironico e goliardicissimo nella sua enormità, non sarebbe diventato un pretesto per chiudere lo Zini per «discriminazione territoriale». L’Uefa giustamente invita a non fare sconti, il giudice sportivo decide in base alle segnalazioni, non sempre univoche per la verità: il risultato è quantomeno confuso.

Lungi da noi sdoganare l’offesa, la si chiami razzismo o discriminazione territoriale, ma è un fatto che, applicate così, le regole che ci sono rischiano di consegnare le chiavi degli stadi alla frangia aggressiva del tifo, esponendo società e abbonati normali al ricatto di pochi violenti che possono dire: «Qui comandiamo noi: o si fa a modo nostro o noi violiamo le regole e voi pagate». Questo ricatto è figlio di un problema annoso: le società hanno accettato da tempo immemorabile, di scendere a patti con i tifosi peggiori e adesso si accorgono di avere le mani legate. Verrebbe da dire: problemi loro, se la sono voluta. Ed è vero, perciò le geremiadi delle società ci commuovono ben poco. Ma è un fatto che in questo modo si consuma comunque un’ingiustizia, perché a pagare lo scotto delle porte chiuse sono alla fine i tifosi veri e sani, quelli che hanno pagato l’abbonamento per fare il tifo correttamente e che alla fine escono, come si dice, "cornuti e mazziati": prima costretti a convivere con i violenti, i maleducati, i ricattatori e poi costretti a pagare per loro.

La ricetta facile facile ovviamente non c’è: ma due cose si devono certamente fare. La prima è che al giudice sportivo arrivino segnalazioni basate su criteri chiari e uniformi  secondo le direttive che la Federazione dovrà al più presto dettare (più semplice), la seconda  è spezzare per sempre le relazioni pericolose tra ultrà e società di calcio. E qui tocca alle società (più difficile).

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo