Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 luglio 2024
 
Rivelazioni
 

Stephen King: la fede in Dio ci rende migliori

30/10/2014  Il grande scrittore racconta il suo rapporto con la religione: se non viene strumentalizzata, rappresenta una forza per sconfiggere il male che è dentro di noi.

Che Stephen King fosse non soltanto uno scrittore di razza, ma anche e prima di tutto un uomo intelligente, capace di ragionare seriamente su questioni profonde, lo avevamo capito leggendo i suoi libri che, in fondo, al di là degli effetti speciali (e horror) che li hanno resi celebri, rappresentano un continuo confronto con l'incoscio, i sentimenti, le pulsioni più segrete dell'uomo.

La recente intervista all'edizione internazionale della rivista Rolling Stone rafforza questo giudizio sull'autore di Shining. Presentando il prossimo romanzo, in uscita in lingua inglese a inizio novembre, King parla della sua fede. La religione, dice, «è uno strumento molto pericoloso che è stato usato in maniera distorta da tanta gente». Non è la religione in sé a costituire un pericolo, bensì l'uso distorto che ne fa l'uomo. Infatti King aggiunge: «Io scelgo di credere che Dio esiste, e perciò posso dire: "Dio, io non riesco a fare questa cosa da solo. Aiutami a non bere oggi. Aiutami a non assumere droghe oggi". E questo atteggiamento mi è utile».

Lungi dal costruire una teologia sul pensiero e le affermazioni dello scrittore americano, va tuttavia colta la sua dichiarazione di fede e la concezione di un rapporto con Dio che aiuta l'uomo a superare i suoi limiti. E a renderlo migliore. La fede, insomma, valorizza la parte buona  delle persone, perché le mette in contatto con il divino. «La fede in Dio ci rende migliori: ci dà un fondamento per meditare,  una fonte di forza».

Interessanti anche le riflessioni di King sul diavolo: distanziandosi da quanti tendono a rimuovere la dimensione del male dalla nostra esperienza, King sostiene di credere che esso esiste. E aggiunge però che dovremmo cercarne le tracce non tanto fuori di noi, quanto «dentro di noi». Affermazione che si collega a quella, non meno degna di nota, che l'uomo è libero e non possiamo attribuire la responsabilità delle nostre azioni a condizionamenti esterni o alla genetica.

Il tema delle religione verrà toccato anche nel nuovo libro di King, Revival, in cui il protagonista è un pastore metodista, la stessa chiesa in cui lo stesso King fu educato.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo