logo san paolo
mercoledì 01 dicembre 2021
 
Festa della mamma
 

Stipendio alle mamme? Sì perché creano comunità e vita

14/05/2017  Anche il responsabile della comunità Giovanni XXIII, Paolo Ramonda, propone da tempo l'idea di dare uno stipendio alle mamme. Significa riconoscere la dignità del lavoro domestico e soprattutto la valenza sociale.

«Noi siamo felici che finalmente, a tre anni dalla nostra proposta, ci sia uno studio serio che riconosca la qualità e la quantità del lavoro delle mamme».

Questo il commento a caldo di Paolo Ramonda, responsabile della Papa Giovanni XXIII, sull’analisi del portale ProntoPro.it  riguardo le attività svolte in media dalle mamme dentro e fuori casa. Il portale, che offre preventivi per i lavori di professionisti, ha fatto la somma delle paghe orarie riconosciute a chi esercita i diversi mestieri fuori dalla famiglia e che invece una mamma svolge gratuitamente - colf, cuoca, autista, stiratrice, spesso anche insegnante - arrivando alla conclusione che, se questo tipo di lavoro  fosse retribuito, una mamma arriverebbe a guadagnare uno stipendio di 3.045 euro al mese. Senza considerare il ruolo di “life coach”, insegnante di vita, che è probabilmente il compito più importante e che esercita 24 ore su 24. Questo impegno di educatrice non è stato monetizzato, ma gli altri mestieri bastano e avanzano per farle guadagnare, ipoteticamente, uno stipendio che è il doppio della media italiana.

Una cifra che può far sorridere, ma che presa sul serio ci riporta al valore del lavoro domestico, troppo spesso sottovalutato. E proprio la Papa Giovanni, tre anni fa, aveva lanciato la proposta di dare uno stipendio alle mamme per i primi 3 anni di vita del bambino.

«Era una proposta assolutamente seria e anche molto calibrata, parlavamo di 800 euro mensili che certamente costituivano un aggravio per il bilancio dello stato ma che poi avrebbero prodotto frutti in termini di natalità e quindi si sarebbero rivelati un investimento lungimirante da parte dei nostri politici che dovrebbero agire non per il loro tornaconto elettorale ma per il bene del paese», continua Ramonda.

Una mamma lava, stira, cucina, rende la casa pulita e accogliente, accompagna i bambini a scuola e li va a riprendere. Quella che il portale fotografa non è un’eccezione ma è la normalità vissuta dalle donne che spesso, se non possono permettersi aiuti, si sottopongono al doppio lavoro, dentro e fuori casa, particolarmente gravoso quando i bambini sono piccoli.

«Dare uno stipendio alle mamme significa certamente riconoscere la dignità del lavoro domestico, che è pari al lavoro professionale», spiega ancora Ramonda, «ma soprattutto valorizzarne l’elevata qualità sociale, perché il lavoro delle mamme crea comunità e vita, tant’è vero che nei paesi che lo monetizzano, per esempio con incentivi fiscali, la natività aumenta. Senza il rifiorire della natalità noi non usciamo da questa crisi economica. Proprio domani il Forum delle famiglie ripropone questo tema con la manifestazione che vede scendere in piazza i passeggini vuoti. Lo slogan crescita zero futuro nero è sacrosanto. E’ ora anche per noi di tornare alla carica».

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo