Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 15 giugno 2024
 
riconciliazione
 

Da Boves a Schorndorf, vittime e carnefici riposeranno insieme

30/04/2023  Il pellegrinaggio comincia venerdì 5 maggio. Domenica 7 maggio le reliquie di don Giuseppe Bernardi e don Mario Ghibaudo, i due sacerdoti uccisi nel primo eccidio nazista in Italia, avvenuto a Boves (Cuneo) il 19 settembre 1943, vengono solennemente poste accanto al sepolcro di Joachim Peiper, il maggiore tedesco delle Ss che ordinò la strage e che è sepolto nel cimitero di quella cittadina tedesca

Fervono gli ultimi preparativi per il pellegrinaggio che da Boves, centro alla porte di Cuneo, porta a Schondorf le reliquie dei martiri don Giuseppe Bernardi e don Mario Ghibaudo. I due sacerdoti uccisi nel primo eccidio nazista in Italia avvenuto a Boves  il 19 settembre 1943, nella strage comandata dal maggiore tedesco Joachim Peiper sepolto nel cimitero della chiesa di Sant’Anna a Schondorf, centro della Baviera ad una trentina di chilometri  da Monaco. Le reliquie  (alcuni frammenti di falange) saranno consegnate nel pomeriggio di domenica 7 maggio   in una teca da don Bruno Mondino, parroco di San Bartolomeo, la chiesa parrocchiale dove sono  sepolti i due sacerdoti, al vescovo di Augsburg,  mons. Bertram  Johannes Mejer. Dal lutto, dal dolore e dal sangue versato il 19 settembre, (morirono 24 persone e 350 case incendiate, ma la cittadina cuneese fu nuovamente vittima di un nuovo eccidio alla fine del 1943 e ancora pochi giorni prima della Liberazione), la comunità, religiosa e laica, ha trovato nei due un esempio a  cui guardare e ispirarsi. Dal 2013 mentre la causa  di beatificazione compiva il suo iter, passando di commissione in commissione,  don Mondino e gli amici dell’Associazione hanno intensificato la loro azione per diffondere il messaggio dei due sacerdoti nel segno della pace e della riconciliazione. E’ nata  e cresciuta  così  l’amicizia  con la comunità di Schondorf che quando fu contattata per la prima volta  dai bovesani ammise di essere all’oscuro di ciò che aveva compiuto Peiper a Boves. Già dai primi incontri la comunità tedesca presentò il desiderio di ricevere le reliquie dei due martiri dopo la loro beatificazione. . E’ di una   quarantina di persone il gruppo  che partirà in pullman il pomeriggio di venerdì 5 maggio  dalla cittadina cuneese dove già alla sera verrà  accolto dalla comunità di Schondorf. Il giorno successivo sarà dedicato all’amicizia, alla riflessione, alla vita di comunità e  alla preghiera. L’esibizione del  coro di Schondorf,  che lo scorso 16 ottobre  aveva partecipato alla cerimonia di beatificazione presieduta dal card. Marcello Semeraro, concluderà la serata.    La consegna delle reliquie avverrà con una processione, dalla parrocchia di Santa Croce alla chiesa di Sant’anna.  Tra i partecipanti ci saranno anche Rosella e Tiziana Ghibaudo, nipoti di don Mario che il 25 aprile hanno incontrato il presidente Mattarella nella visita privata nella chiesa di Boves.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo