logo san paolo
giovedì 18 agosto 2022
 
Spiegare il dramma
 

Strage di Nizza: aiutiamo i bambini a capire

15/07/2016  Di fronte a eventi drammatici e sconvolgenti come questi è naturale che particolarmente bambini e ragazzi si sentano spaventati e confusi. Come rispondere alle loro domande e come gestire le loro ansie? I consigli del telefono azzurro.

84 morti tra cui tanti bambini e innumerevoli feriti. La strage di Nizza scuote il cuore e l’anima di grandi e piccini. Di fronte a eventi drammatici e sconvolgenti come questi è naturale che particolarmente bambini e ragazzi si sentano spaventati e confusi. Come rispondere alle loro domande e come gestire le loro ansie? Ecco qualche consiglio del Telefono azzurro per genitori e insegnanti. In generale, è fondamentale non ignorare le loro paure, ma rassicurarli.

1. Accogliere domande e paure: a partire da quello che esprimono e dalle loro curiosità, sentitevi liberi di chiedere cosa ne pensano, cosa ne pensano i loro amici e se ne hanno già parlato con qualcuno.

2. Aiutare a tornare alla routine: continuate con la vita di tutti i giorni. Ricordate loro che nel mondo c’è ancora bontà, anche negli atti più semplici.

3. Prestare attenzione a sentimenti ed emozioni: comunicate loro che è assolutamente comprensibile provare forti sentimenti di ansia o paura quando si viene a conoscenza di eventi come questi.

4. Tranquillizzare: dopo averne parlato, ricordate loro che sono al sicuro.

5. Coinvolgere: non vanno in alcun modo ostacolate le iniziative del bambino, il suo desiderio di essere altruista con atti di solidarietà o gesti simbolici: in queste occasioni si può riscoprire la forza dello stare insieme

6. Rivolgersi a degli esperti: sia bambini che ragazzi e adulti possono chiamare la linea gratuita 1.96.96 o scriverci a www.azzurro.it/chat

I vostri commenti
5

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo