Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
 

Siria, anche l'Onu si sveglia

03/11/2012  In un video diffuso in Rete, documentata una strage degli insorti anti-Assad. Nasce così la nuova Siria?

Incredibile ma vero: persino l'Onu si è accorta di che cosa sta realmente accadendo in Siria. E poiché sta facendo il giro di Internet il filmato, postato dalle stesse organizzazioni della rivolta contro Assad, il video in cui dieci soldati, disarmati e prigionieri, vengono giustiziati a raffiche di mitra a Saraqeb, ecco arrivare la dichiarazione di Navi Pillay, commissario ai Diritti Umani delle Nazioni Unite: "Poichè i soldati non erano più combattenti, si direbbe davvero che questo sia un crimine di guerra".

Certo, è curioso che parli di "crimini di guerra" un'organizzazione che tuttora rifiuta di considerare ciò che avviene in Siria una guerra. E poi, quel condizionale ("si direbbe"?) di fronte a immagini precise, e dopo una lunga scia di autobomba e attentati che hanno colpito duramente anche la popolazione civile, poteva davvero esserci risparmiato.

Notare tutto questo non vuol dire, ovviamente, giustificare Bashar al Assad (che, anzi, va rimosso dal potere e al più presto giudicato per i suoi crimini di guerra) ma semplicemente arrivare un po' più vicini a capire ciò che sta succedendo in Siria. Quando cominciò, nel marzo 2011, la rivolta dei siriani aveva due caratteristiche: era saldamente ancorata al flusso di proteste in nome di una maggiore democrazia che ha preso il nome di Primavera araba; e aveva un tono moderato, riformatore. Richieste più forti di quelle dei siriani sono state accolte e metabolizzate dalle monarchie di Giordania e Marocco.


Sappiamo come reagì Assad: con la violenza. Irragionevole e brutale. E sappiamo come si sono regolate le cosiddetta "grandi potenze". Nell'anno delle elezioni in Russia, negli Usa e in Francia, e del ricambio di regime in Cina, nessuno voleva impegnarsi pro o contro la causa della democrazia in Siria. Così tutti si sono limitati a fornire aiuti alla parte prescelta (gli Usa e i loro alleati, Turchia e Arabia Saudita in testa, ai ribelli; Russia e Cina ad Assad), contribuendo così ad alimentare il fuoco della guerra civile e le sofferenze della popolazione. 

Naturalmente, con il prolungarsi della guerra e l'inasprirsi del confronto, la questione della democrazia si è persa per strada. Quel che resta è una lotta brutale per il potere,combattuta ormai con pari ferocia. Assad sarà sconfitto, è inevitabile: in Medio Oriente ha due soli amici, l'Iran e il Libano; fuori dal Medio Oriente due soli sponsor, Russia e Cina. Per il resto gli sono tutti contro. Ma se la nuova Siria deve nascere a colpi di stragi, è facile prevedere che molto somiglierà alla vecchia Siria che sta morendo.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo