Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
 

Studenti, crescono i nati in Italia

24/10/2011  Nelle scuole niente boom di stranieri in arrivo. Aumenta invece il numero di ragazzi nati nel nostro Paese, che si sentono "italiani". Soprattutto nell’istruzione tecnico-professionale.

Rallenta la crescita di nuovi iscritti, aumenta il numero di coloro che frequentano la scuola secondaria di secondo grado, crescono i nati in Italia. La fotografia che ritrae gli alunni con cittadinanza non italiana nelle aule del Belpaese parla chiaro: niente boom di stranieri in arrivo, piuttosto una presenza divenuta ormai strutturale. I dati emergono dal rapporto Rapporto “Alunni con cittadinanza non italiana. A.s. 2010/2011”, curato da Vinicio Ongini della Direzione generale dello studente (Miur) e da Mariagrazia Santagati, Settore educazione della Fondazione Ismu.

Presentata questa mattina al centro congressi della Provincia di Milano, al margine del convegno "Gli studenti con cittadinanza non italiana nell'istruzione tecnica e professionale", l'indagine fornisce in modo dettagliato i numeri del fenomeno. Gli allievi con cittadinanza non italiana rappresentano a oggi il 7,9% di tutti gli studenti tra i banchi del Belpaese (passati dalle 59.389 presenze dell'anno scolastico 1996/1997 alle 711.064 del 2010/2011), ma negli ultimi tre anni si è assistito a un rallentamento nella crescita degli iscritti: aumentati meno di 38 mila unità nell'anno scolastico 2010/11, contro un aumento di 60-70 mila unità all'anno avuto dal 2002/03 al 2007/08.

Se la scuola primaria raccogliere la maggioranza degli iscritti (254.644 presenze, il 9% sul totale) sale il numero di allievi stranieri che frequentano le scuole secondarie di secondo grado: 153.513 per la precisione (contro 2.510.171 di italiani), 10.289 in più rispetto all’anno scolastico precedente, con un’incidenza sul totale pari al 5,8%. Studenti con cittadinanza non italiana che si concentrano soprattutto nell’istruzione tecnica e professionale: 62.080 frequentano gli istituti professionali (qui la maggiore incidenza, con 11,4 alunni stranieri ogni 100 iscritti), 58.340 gli istituti tecnici. Minore è il loro numero nei licei (28.675) e nell’istruzione artistica (4.418).

Qualche differenza, quindi, resta: gli alunni con cittadinanza non italiana si concentrano negli istituti professionali (40,4%) e negli istituti tecnici (38%), seguiti a distanza dai licei (18,7%); gli italiani  invece preferiscono licei (43,9%), istituti tecnici (33,2%), meno i professionali (19,2%). Divario anche nei tassi di promozione, soprattutto nella scuola secondaria di secondo grado: «La percentuale dei non promossi fra gli studenti di cittadinanza non italiana, - si precisa nel rapporto -, pur in leggero calo, rimane nell’anno scolastico 2009/2010 del 30%, circa il doppio rispetto al tasso registrato fra gli italiani».

Altro dato significativo: l'aumento dei nati in Italia. Nell’anno scolastico 2007/08, rappresentavano il 34,7% degli alunni con cittadinanza non italiana, nel 2010/11 il 42,1% (per un totale di 299.565 presenze). Tra i nati in Italia le scuole dell’infanzia registrano la più alta presenza con il 78,3% degli iscritti con cittadinanza non italiana che è nato in territorio nostrano. Ecco perché si fa sempre più fatica a chiamarli stranieri. Quali sono invece i paesi di provenienza? Per il quinto anno consecutivo i romeni si confermano al top con 126.452 presenze, seguono gli albanesi (99.205), e i marocchini (92.542).

Tra le novità l’incremento di alunni provenienti dalla Moldavia (passati dai 12.543 del 2007/2008 agli attuali 20.580) ma anche dall’India e dall’Ucraina. Dove si rileva la maggior presenza? Il 24,3% del totale degli alunni con cittadinanza non italiana è iscritto nelle scuole lombarde (seguono il Veneto, con l’11,9% e l’Emilia Romagna con l’11,6%); in merito all'incidenza, invece, al primo posto c'è l’Emilia Romagna (14%), seguita da Umbria (13,3%), e Lombardia (12,5%). Le province che accolgono il maggior numero di studenti stranieri sono: Milano (64.934), Roma (52.599), Torino (33.920), Brescia (30.605), Bergamo (20.961). Le incidenze maggiori invece si registrano soprattutto nelle province di media e piccola dimensione: da Piacenza (18,1%) a  Prato (18%), da Mantova (17,8%) ad Asti (16,1%) a Reggio Emilia (16%).

Tag:
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo