Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 22 maggio 2024
 
Immigrazione
 

Stranieri tra i banchi di scuola

12/05/2016  Secondo il rapporto “Alunni con cittadinanza non italiana per l'anno scolastico 2014/2015”, stilato da Ministero dell'Istruzione e Fondazione Ismu, sono 814.187 gli alunni stranieri, in costante aumento. La città con più ragazzi non italiani è Milano.

Cresce la presenza degli alunni stranieri nelle scuole italiane, e la maggior parte di essi è nato in Italia. Secondo il rapporto “Alunni con cittadinanza italiana per l'anno scolastico 2014/2015”, stilato da Ministero dell'Istruzione e Fondazione Ismu si è passati   da 196.414 alunni nell'a.s. 2001/02 (2,2% della popolazione complessiva) agli 814.187 dell'a.s. 2014/2015 (9,2% del totale). Gli iscritti stranieri fra il 2009/10 e il 2014/15 sono cresciuti del 20,9%, a fronte di una diminuzione pari al -2,7% fra gli italiani (da 8.283.493 a 8.058.397 unità) e di un decremento del -0,9 % della popolazione scolastica complessiva  Nell’a.s. 2014/15 sono 291.782 gli alunni stranieri iscritti alle scuole primarie (10,4% del totale), 187.357  gli studenti nella scuola secondaria di secondo  grado (7% del totale), 167.068 gli allievi nelle secondarie di primo grado (9,6%) e infine 167.980 i bambini nelle scuole dell’infanzia (10,2%).

I più numerosi sono gli alunni con cittadinanza romena (157.153), seguiti da albanesi (108.331) e marocchini (101.584). A distanza troviamo il gruppo degli alunni di origine cinese (41.707) e filippina (26.132). I tunisini si concentrano soprattutto a Trapani (con ben 13 volte la percentuale di presenza rilevata in Italia) e a Ragusa (10 volte), i cinesi a Prato (9 volte); gli ucraini nelle province campane (oltre 7 volte a Caserta e quasi 7 a Napoli), 5 volte ad Avellino e Salerno), gli indiani nelle province di Mantova e Cremona (6 volte). Il gruppo degli alunni con cittadinanza non italiana nati in Italia continua ad aumentare nella scuola dell’infanzia: sono nati in Italia l’84,8% dei bambini figli di immigrati.  La regione con più alunni stranieri nati in Italia è la Lombardia (122.153). A livello provinciale, al primo posto c’è la provincia di Milano (80.333), seguita da quelle di Roma (61.172), Torino (37.920) e Brescia (32.678). Se si considera l’incidenza percentuale degli alunni stranieri, Prato (21,6 cni ogni 100 alunni) e Piacenza (20,9 ogni 100 alunni).  A livello di comuni quello in cui è maggiore l’incidenza degli alunni stranieri è Baranzate  (Milano), 53,4% del totale degli alunni. Poi  ci sono Santa Croce sull'Arno (Pisa) con il 35,5% e un altro comune dell'hinterland milanese, Pioltello con il 31,3%. In tutti e tre i casi si tratta soprattutto di ragazzi stranieri nati in Italia e solo poche decine sono quelli arrivati qui per la prima volta.

Sono 2.855 le scuole con il 30% e oltre di alunni stranieri (il 5,1% del totale delle istituzioni scolastiche italiane) e 569 (1%) le cosiddette scuole a maggioranza straniera. Brescia è il comune con più scuole a maggioranza straniera,(15% del totale delle scuole), seguito da Prato (11%).
Per quanto riguarda il rendimento scolastico il divario tra italiani e stranieri è elevato in tutti gli ordini di scuola, soprattutto nelle  secondarie di secondo grado. Gli alunni ripetenti si trovano principalmente nei primi anni di corso e le  quote maggiori di ripetenze si rilevano al Sud e nelle Isole. La maggior parte degli iscritti preferisce  gli istituti tecnici (38,5%) ma aumentano le iscrizioni nei licei (24,5%).  

Crescono i minori stranieri non accompagnati. In base agli ultimi dati disponibili del Ministero del lavoro e delle politiche sociali (dicembre 2015) sono 11.921, di cui solo 550 femmine. I dati mostrano una maggiore concentrazione dei minori soli nelle regioni maggiormente esposte al fenomeno degli arrivi via mare e in quelle in cui sono presenti grandi città. Tra le principali regioni di accoglienza: Sicilia (4.109), Calabria (1.126), Puglia (1.102). La Lombardia è ancora la regione con il maggior numero di alunni stranieri, superando le 200mila presenze, seguita da Emilia Romagna e Veneto (oltre 90mila alunni stranieri), Lazio e Piemonte (oltre 70mila).

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo