Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
 

Sudafrica, le miniere in rivolta

17/08/2012  Gli scontri fra lavoratori della Lonmin e forze dell'ordine, che hanno causato oltre 30 morti, sono la reazione violenta alle condizioni di emarginazione nelle quali vivono i minatori.

Le immagini sembrano quasi riportarci indietro nel tempo, ai violenti scontri razziali dell'epoca buia dell'apartheid: da una parte i minatori in rivolta, armati di mazze e machete, dall'altra le forze della polizia in tenuta anti-sommossa, che cercano di mettere fine alle proteste dei lavoratori. Il bilancio degli scontri scoppiati nei pressi della miniera di platino Lonmin di Marikana, in Sudafrica, vicino a Rustenburg, 100 km a nordovest di Johannesburg, è di oltre trenta morti - forse 36 - tra i circa tremila minatori che ormai da giorni avevano incrociato le braccia e indetto uno sciopero per reclamare salari più adeguati: un aumento da 6.000 a 12.000 rand (da meno di 600 euro a meno di 1.200).

Allo scadere dell'ultimatum lanciato dalla Lonmin - fine dello sciopero pena il licenziamento - è scattata la violenza. Alle vittime degli scontri di giovedì 16, vanno aggiunte quelle dei giorni precedenti, una decina di persone in tutto, tra i quali due poliziotti uccisi a colpi di machete in una prima serie di scontri. Secondo la Lonmin le tensioni hanno origine da un conflitto interno alle unioni che rappresentano i minatori, l'Unione nazionale dei lavoratorio delle miniere (Num), vicina all'African national congress, e l'Acmu, Associazione dei minatori e degli edili.  

Il Sudafrica è la prima economia del continente africano, un Paese ricchissimo di risorse minerarie, il più grande produttore al mondo di platino, oro e cromo: per quanto riguarda il platino, il Paese africano detiene oltre l'80% di tutta la produzione mondiale. Ma il sottosuolo sudafricano è ricco anche di diamanti, amianto, rame, carbone. Il Sudafrica è uno dei grandi mercati emergenti, con un'industria forte e sviluppata. Fra il 2004 e il 2007 l'economia del Paese ha conosciuto un boom, che negli anni seguenti ha poi subìto un rallentamento.

Di fatto, il regime dell'apartheid, terminato ufficialmente nel 1994, ha continuato a influenzare pesantemente lo sviluppo economico-sociale della Nazione: la povertà rimane estramente diffusa tra larghi strati della popolazione, il 50% dei sudafricani ancora oggi vive al di sotto della soglia della povertà e il tasso della disoccupazione tocca il 25%. La crescita economica non solo non ha colmato, ma ha approfondito le disparità tra gruppi sociali, lasciando i poveri ancora di più nella miseria. 

La vicenda della Lonmin, comunque, non è un caso isolato. Come ha spiegato al quotidiano sudafricano Mail & guardian lo studioso Crispen Chinguno - che ha svolto una lunga indagine sulle miniere di platino della zona di Rustenburg - la violenza è diventata quasi una routine negli scioperi dei minatori sudafricani, non solo della Lonmin. Per i lavoratori delle miniere si tratta di una forma di lotta che dà i suoi frutti: alla compagnia Implats, ad esempio, i dipendenti chiedevano l'aumento del salario a 9.000 rand; dopo uno sciopero illegale, hanno ottenuto l'innalzamento a 8.000 rand; e quelli che erano stati licenziati poi sono stati reintegrati.

Secondo Chinguno, la causa della violenza va rintracciata nelle condizioni in cui vivono i minatori: molti di loro risiedono in agglomerati approntati ai margini delle miniere, altri in ostelli di fortuna. Fra di loro vige un senso di precarietà e di frammentazione: la violenza restituisce loro almeno l'illusione di un spirito di unione e di solidarietà.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo