logo san paolo
giovedì 26 maggio 2022
 
dossier
 

Suor Maria e suor Alfonsina, ecco chi erano le sante palestinesi

17/05/2015  La storia e le virtù delle due suore ora canonizzare da papa Francesco.

Suor Maria ( a sinistra) e suor Alfonsina.
Suor Maria ( a sinistra) e suor Alfonsina.

Maria di Gesù Crocifisso, al secolo Mariam Baouardy, monaca professa dell’Ordine dei Carmelitani scalzi e Maria Alfonsina Danil Ghattas, Fondatrice della Congregazione delle suore del Rosario di Gerusalemme, saranno le prime due sante della Terra di Gesù dell’era moderna. 


Suor Maria: la piccola araba che resiste nella fede

La prima veniva da un villaggio vicino Nazareth, dove era nata il 5 gennaio 1846 e portava il nome della Vergine. Entrò a 19 anni nel Carmelo di Pau, nei Pirenei. La sua vita prima della professione religiosa ha il timbro di un’avventura. Giovanissima perde entrambi i genitori, di origini libanesi e appartenenti alla Chiesa cattolica greco-melchita, e viene adottata da uno zio paterno con cui parte per Alessandria d'Egitto. A 13 anni fugge da casa per non essere costretta a sposarsi e si imbatte in un musulmano che cerca di obbligarla a rinnegare la fede cristiana. Al suo rifiuto, il giovane le taglia la gola. Sviene e quando torna in sé Mariam si risveglia in una grotta, accudita e curata da una donna misteriosa, nella quale pensa di riconoscere la Vergine Maria.

Cerca lavoro come domestica e governante spostandosi da Alessandria, a Gerusalemme a Beirut e quindi a Marsiglia,
finché approda al Carmelo di Pau e prende il nome religioso di Suor Maria di Gesù Crocifisso. “Una piccola araba obbediente fino al miracolo”, la definiva la sua madre superiora a Pau. Nel 1870 parte con un gruppo di consorelle per fondare il Carmelo indiano di Mangalore; nel 1875 fonda, con un altro gruppo di Carmelitane, il Carmelo di Betlemme. E' qui che muore a soli 32 anni, il 26 agosto 1878, per le conseguenze di una brutta caduta.

E “la piccola araba” l’ha chiamata anche Giovanni Paolo II quando venne beatificata nel 1983. Di lei restano poesie e inni bellissimi che non avrebbe mai potuto comporre in base alle sue conoscenze, avendo a stento imparato, in seguito alle insistenze dei superiori religiosi, a scrivere e a leggere. Una poesia dice: “A chi somiglio io, Signore? Agli uccelletti implumi nel loro nido. Se il padre e la madre non portano loro il cibo, muoiono di fame. Così è l’anima mia senza di Te: non ha sostegno, non può vivere”.

In Palestina cristiani e musulmani della Palestina storica, quella del tempo dell’Impero Ottomano la chiamavano la “Kedise”, la santa.

 

Suor Alfosina:il riscatto per le donne arabe

 

Una vicenda completamente diversa quella di Maryam Sūltanah Danil Ghaţţas, suora con il nome  di Maria Alfonsina nella congregazione di san Giuseppe dell'Apparizione. Nata a Gerusalemme nel 1843, decise di consacrarsi a Dio a soli 14 anni. La Madonna che le apparve in due occasioni, le ispirò la fondazione della prima Congregazione religiosa femminile della Terra Santa, quella delle Suore del Rosario, l’unica Congregazione autoctona di Terra Santa.  Benedetto XVI nell'Angelus successivo alla beatificazione avvenuta a Nazareth il 22 novembre 2009, sottolineò che attraverso l'insegnamento religioso, contribuì a “vincere l’analfabetismo ed elevare le condizioni della donna di quel tempo nella terra dove Gesù stesso ne esaltò la dignità”. Iniziò con nove sorelle ma in seguito fondò scuole e case per religiose in diverse città della Galilea e per questo le Suore del Rosario sono considerate il braccio destro del Patriarcato latino nelle scuole, parrocchie e istituzioni della diocesi e negli altri Paesi arabi. Maria Alfonsina è morta ad Ain Karem il 25 marzo 1927, a 84 anni.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo