logo san paolo
mercoledì 19 gennaio 2022
 
 

Suor Patrizia sfugge ai rapitori in Siria

08/10/2014  E' salva e sta bene l'ottantenne religiosa francescana, originaria di Avellino, scampata al rapimento che ha coinvolto padre Hanna e 20 cristiani del villaggio di Knayeh

chiesa di San Giuseppe a Knayeh
chiesa di San Giuseppe a Knayeh

Suor Patrizia Guarino non è stata rapita e sta bene. L'80enne religiosa italiana delle Suore del Cuore Immacolato di Maria, originaria della provincia di Avellino, e missionaria in Siria presso il villaggio cristiano di Knayeh, è scampata al rapimento che nella notte tra il 5 e il 6 ottobre scorso ha coinvolto  padre Hanna Jallouf e una ventina di fedeli siriani finiti nelle mani di un gruppo terroristico vicino al movimento jihadista Jahbat Al-Nusra. 

   “Suor Patrizia ci ha telefonato, sta bene ed è rifugiata con l’altra nostra consorella presso una famiglia, vicino alla parrocchia del villaggio cristiano di Knayeh, nel nord-ovest della Siria, vicino al confine turco», ha  spiegato a un’agenzia di stampa suor Clara, della Casa generalizia delle suore francescane missionarie del Cuore Immacolato di Maria.  La missionaria campana svolge attività di infermiera  e si trova in Siria da diversi anni per servire i poveri di quel villaggio.   Oltre al convento le suore francescane gestiscono un centro giovanile, un asilo e un ambulatorio.  "Non ha avuto paura, ma il villaggio è in mano ai terroristi. Ci ha detto: pregate per noi, siamo nelle mani di Dio”,  riportano le consorelle della casa generalizia.

   La congregazione,  dedita  all'opera di evangelizzazione e alla promozione del dialogo ecumenico e interreligioso, specie nei paesi del Medio Oriente, venne fondata dalla religiosa italiana Costanza Troiani (1813-1887), terziaria presso il monastero delle Clarisse di Ferentino, su invito del vicariato apostolico d’Egitto. Nel 1859 si trasferì con cinque consorelle al Cairo dando vita ad una congregazione votata a opere di apostolato sociale. Nel 1868  la Santa Sede dichiarò autonoma la comunità missionaria dalla casa madre sancendo la nascita delle Francescane Missionarie del Cuore Immacolato di Maria.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo