logo san paolo
sabato 16 gennaio 2021
 
Svezia
 

Svezia, via alla giornata lavorativa di sei ore (ma niente Facebook)

02/10/2015  Un anno fa è partita la sperimentazione in una casa di riposo di Gothenburg con ottimi risultati. Mentre la Toyota l'ha già fatto 13 anni fa. E a Stoccolma un'azienda di app ha ridotto l'orario vietando i social media in ufficio. «Lavoriamo meglio e il pomeriggio lo passo a casa con i miei figli», dice un operaio. Ora l'obiettivo è estendere le sei ore negli uffici pubblici

Sei ore al giorno di lavoro al posto della canoniche otto per migliorare la qualità della vita e avere più tempo per la propria famiglia e il tempo libero. Non è (solo) un auspicio. In Svezia fanno sul serio. Circa un anno fa nella casa di riposo del centro Svartedalens di Gothenburg infermieri e personale sono partiti con un esperimento pilota: lavorare solo sei ore al giorno. I risultati? Grandi benefici e miglioramento della qualità del lavoro. «Quando lavoravo otto ore al giorno mi sentivo esausta, non vedevo l'ora di tornare a casa e buttarmi sul divano. Ma ora no. Sono molto più sveglia: ho tantissima energia da spendere nel mio lavoro, ma anche per la mia famiglia», ha spiegato un’assistente al quotidiano britannico Guardian.

Il cambiamento è nato dopo la decisione del comune di portare avanti un progetto per ridurre la giornata lavorativa anche negli uffici pubblici. Obiettivi: migliorare il rapporto lavoro-vita privata e rendere più produttivi i lavoratori. Entrambi raggiunti, a sentire l'infermiera Ann-Charlotte Dahlbom Larsson: «Dal 1990 abbiamo iniziato ad avere molti pazienti e meno personale. Non ce la facevamo più. Tra il nostro staff hanno iniziato a diffondersi malattie e depressione a causa dell'esaurimento che vivevamo. La mancanza di equilibrio tra lavoro e vita non fa bene a nessuno». Per garantire al proprio staff l’orario ridotto la casa di riposo ha dovuto assumere 14 lavoratori extra e questo è il risvolto economico della faccenda: non tutti le aziende riescono a permettersi un sacrificio finanziario del genere. Ciò nonostante, anche nell'ospedale della Sahlgrenska University hanno tentato la stessa sperimentazione.

Alla Filimundus meno ore e niente social media

E ora? Dopo questi esperimenti la Svezia ha deciso di andare fino in fondo e portare la giornata lavorativa a sei ore in tutti gli uffici pubblici e le aziende. Nulla di improvvisato, in realtà. La Toyota di Gothenburg, per esempio, ha bruciato tutti sul tempo consentendo già 13 anni fa ai suoi operai di passare alla giornata di sei ore. Nessuna retromarcia, l’esperimento è andato bene: i profitti sarebbero aumentati del 25%, il personale più felice e il tasso di turnover più basso. All'epoca, furono i continui errori dello staff e lo stress generale a convincere ad intraprendere questo cambiamento. Oggi un turno di lavoratori inizia a lavorare alle 6 del mattino, il secondo a mezzogiorno.

«I miei amici sono invidiosi», ha raccontato sempre al Guardian Martin Geborg, meccanico di 27 anni, in Toyota da otto, «è bellissimo finire di lavorare alle 12. Prima che avessi una famiglia potevo andare in spiaggia dopo il lavoro. Ora passo il pomeriggio con i miei bambini».

Nella capitale Stoccolma ci ha pensato la Filimundus, azienda sviluppatrice di app, a introdurre la giornata di sei ore l'anno scorso. «Il giorno di lavoro di otto ore non è così efficace come si potrebbe pensare» ha detto Linus Feldt, amministratore delegato della società. «Rimanere concentrati su un compito specifico per otto ore è una sfida enorme. Per far fronte a questo gravoso impegno, tentiamo di mescolare le cose e di fare pause per rendere la giornata di lavoro più sopportabile. Allo stesso tempo, abbiamo difficoltà a gestire la nostra vita privata».

Feldt ha detto che da quando ha introdotto la giornata lavorativa di 6 ore, ai membri del personale non è consentito utilizzare i social media, da Facebook a Twitter, gli incontri sono ridotti al minimo, e che altre distrazioni durante il giorno vengono eliminate: questo perché il personale è più motivato ​​a lavorare intensamente, mentre si trova in ufficio. «La mia impressione è che ora è più facile concentrarsi più intensamente sul lavoro che deve essere fatto e si ha maggiore capacità di resistenza», ha aggiunto Feldt.

I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 78,00 € 57,80 - 26%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%